Il reddito di cittadinanza “non è una misura di assistenzialismo, è il più grande investimento in capitale umano della storia d’Italia”. Lo afferma il vicepremier e ministro Luigi Di Maio, in conferenza stampa a Palazzo Chigi dopo l’ok al maxi emendamento su reddito di cittadinanza e quota 100. Di Maio ha anche spiegato che nel reddito di cittadinanza ci “sono norme anti-divano, che sono le norme su cui si fonda tutto il programma e che non consente a nessuno di poter abusare del reddito”. Lo schema delle offerte di lavoro prevede che la prima, nel primo anno, sia entro i 100 km rispetto alla residenza: “Non converrà rifiutare la prima domanda, perché dalla seconda l’offerta è più lontana, e la terza è in tutta Italia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Reddito di Cittadinanza e Quota 100, ecco le slide presentate dal governo in conferenza stampa

prev
Articolo Successivo

Quota 100, Salvini presenta il provvedimento: “Lo dedico alla Fornero. Punto di partenza per un’Italia più giusta”

next