Si trovavano tutti e cinque a bordo di una Skoda quanto la polizia gli ha intimato di fermarsi. Ma loro non l’hanno fatto e sono scappati a tutta velocità lungo la statale 372 Telesina, nel comune di Alvignano (Caserta). Ma dopo una serie di manovre e sorpassi azzardati, l’auto si è ribaltata e sono finiti fuori strada. Quattro dei cinque a bordo sono morti e uno è rimasto ferito.

Nonostante l’arrivo dei soccorsi, non c’è stato nulla da fare. Due degli uomini sono stati estratti dalle lamiere contorte della Skoda, gli altri due recuperati dai vigili del fuoco in una scarpata. Il ferito è stato trasportato nell’ospedale Rummo di Benevento e ricoverato in codice rosso. Per ora non si hanno notizie certe sulla loro identità: non si esclude che possano essere di nazionalità straniera e che possa trattarsi di una delle bande di malviventi che da qualche tempo imperversano nella tranquilla Valle Telesina, ai confini tra le province di Caserta e Benevento, mettendo a segno furti e rapine in abitazioni isolate, a volte anche con violenza.

L’incidente ha avuto inizio proprio quando una volante del commissariato di Telese Terme, impegnata in uno dei servizi di controllo del territorio disposti per arginare il fenomeno dei furti nelle case, ha notato una Skoda con targa già segnalata in precedenza alle forze dell’ordine. Gli agenti le hanno imposto l’alt ma l’auto non si è fermata, dando inizio a un inseguimento durato oltre una ventina di chilometri. In più occasioni la Skoda ha tentato di seminare gli inseguitori con sorpassi sull’altra corsia di marcia, ma è stato inutile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cadavere murato trovato in una parete interna di una casa da ristrutturare

prev
Articolo Successivo

Brescia, trovato corpo carbonizzato di una donna: ipotesi omicidio

next