Usigrai, insieme con Fnsi, l’Ordine dei giornalisti, Articolo 21 e Amnesty International Italia si sono unite per un sit in di protesta davanti la sede dell’Ambasciata dell’Arabia Saudita in occasione della Supercoppa italiana di calcio tra Juventus e Milan, in programma mercoledì sera a Gedda. “Giocare la super coppa in Arabia Saudita è una scelta scellerata – ha spiegato Vittorio Di Trapani, segretario Usigrai -. Per 7 milioni di euro sono stati venduti i diritti sportivi, ma contestualmente abbiamo svenduto i diritti umani. Il tentativo di far dimenticare una guerra feroce nello Yemen, far dimenticare le bombe italiane che vengono vendute all’Arabia Saudita, far dimenticare l’assassinio del giornalista Khashoggi ucciso in un consolato Saudita, far dimenticare i tanti dissidenti che lottano in questi anni per avere libertà in Arabia Saudita”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ferrari, Mick Schumacher pronto a firmare come pilota Fda e tester

next
Articolo Successivo

Atletica, l’incredibile impresa di un poliziotto italiano in Russia: corre 39 chilometri a -52 gradi. È record

next