La mostra per i 100 anni dalla nascita di Giulio Andreotti ospitata dal Senato “va chiusa“. A dirlo è il senatore del M5s Mario Michele Giarrusso parlando a “nome del gruppo” in Aula a Palazzo Madama. “Manifestiamo il disappunto per l’organizzazione di una mostra celebrativa dei cent’anni dalla nascita del peggior uomo politico che abbia visto queste aule. È una mostra fuori luogo e falsa”. “In quella galleria mancano tante foto, per prima quella dei sodali di Andreotti”, continua Giarrusso citando Salvo Lima e i cugini Nino e Ignazio Salvo. “E soprattutto mancano quelle delle vittime della mafia, di Piersanti Mattarella. Noi da questa storia – aggiunge il senatore – prendiamo le distanze e non troviamo nulla di celebrativo: è un’offesa per il nostro Paese, per i morti, anche per il presidente della Repubblica: chiudiamo questa mostra”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Di Maio: “Campagna elettorale di Di Battista? Lui la fa gratis, non è pagato da italiani. Di cosa si deve vergognare?”

next
Articolo Successivo

Giustizia, Salvini alla cena con i renziani: “Ancien régime? Un po’ anzianotto mi sento, ma che vuol dire?”. Poi l’attacco della Boschi

next