Dopo la conferenza dei capigruppo a Palazzo Madama, il Pd, per bocca di Andrea Marcucci, chiede di discutere e votare la propria mozione in favore della Tav giovedì 17. Ma in fase di votazione, M5s e Lega si oppongono. A quel punto dai banchi dei dem si levano le grida di “vergogna” che il presidente di turno, Ignazio La Russa, liquida seccamente: “Il voto non è mai una vergogna. Gridare che lo è, semmai, è vergognoso”. Il Senato respingerà la richiesta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, Muscat (premier Malta): “Global Compact? Non mi capacito del fatto che l’Italia non lo abbia firmato”

prev
Articolo Successivo

Tav, l’analista Ponti è uno spasso: “Costi-benefici? Guardiamo i dati e serve tempo. Esito dipende anche dalla variabile Culo”

next