Si è sbloccata la vicenda dei tre carabinieri italiani rifugiatisi lunedì sera nella sede dell’Onu a Gaza perché assediati dalle forze di sicurezza di Hamas. A riferirlo i media palestinesi e israeliani. “Le indagini hanno permesso di accertare l’identità dei tre italiani e la sicurezza delle procedure del loro ingresso a Gaza”, ha confermato poi il ministero dell’Interno palestinese. In un primo momento, infatti, i militari del Consolato generale di Gerusalemme erano stati scambiati per israeliani.

Il ministero ha sottolineato “l’efficace cooperazione” tra l’inviato Onu Nikolai Mladenov, l’Unesco a Gaza, il Consolato generale italiano e l’ambasciatore del Qatar Mohammed Al Emad. Fonti stampa hanno poi aggiunto che domani grazie alla riapertura del valico di Eretz, al confine con Israele, i carabinieri dovrebbero poter uscire da Gaza e fare ritorno a Gerusalemme. Non ci sono al momento conferme ufficiali.

Secondo quanto ricostruito dai giornali locali, tra cui il sito Arab21, la vicenda è iniziata lunedì sera quando “un’auto che trasportava quattro stranieri in possesso di armi automatiche ha rifiutato di fermarsi a una barriera di sicurezza nel centro della Striscia di Gaza, fatto che ha provocato un inseguimento e l’esplosione di spari, prima della fuga nella sede delle Nazioni Unite”. Sempre secondo le stesse fonti, “la resistenza palestinese ha sospettato” che le persone nell’auto fossero membri “delle forze speciali israeliane sotto falsa identità con passaporti diplomatici europei”, anche se l’Unwra ha subito confermato che in realtà si trattava “di diplomatici stranieri di nazionalità italiana, entrati a Gaza per lavoro ufficiale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Brexit, il Parlamento inglese boccia l’accordo con l’Ue. Scontro tra Theresa May e Jeremy Corbyn: “Sconfitta devastante”

prev
Articolo Successivo

Bambina vola dall’auto insieme al seggiolino e la madre si allontana. La scena ripresa da un altro autista

next