A Mankato, nel Minnesota, una bambina è volata via da un auto in movimento insieme a tutto il seggiolino su cui era seduta. La piccola è rimasta in mezzo alla strada mentre il veicolo con a bordo la madre si allontanava. La scena, avvenuta lunedì, è stata ripresa da un altro autista, Chad Cheddar Mock, grazie alla webcam posizionata sul suo cruscotto. L’uomo ha poi caricato il video sulla sua pagina Facebook. “Se non fosse accaduto di fronte a me non ci avrei mai creduto”, ha scritto Mock nel suo post. “La bambina stava bene. I genitori sono tornati“. Poco dopo, riporta il sito Newsweek, la polizia di Mankato ha diffuso un comunicato, spiegando che la piccola “era correttamente legata al seggiolino di sicurezza. Tuttavia, il seggiolino non era fissato al sedile del veicolo”. Per questo la madre è al momento sotto accusa.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gaza, tre carabinieri italiani bloccati in sede Onu. “Assediati da Hamas”

next
Articolo Successivo

Usa, federali senza stipendio e rifiuti nei parchi: ecco lo shutdown più lungo della storia. Per gli americani è colpa di Trump

next