Un progetto che ha lo scopo di rilanciare il “modello Riace” senza fondi pubblici. Per consentire la partecipazione anche del sindaco “sospeso” Mimmo Lucano, ancora sottoposto al divieto di dimora nel suo Comune, la conferenza stampa che ha dato il via alla fondazione “È stato il vento”, si è tenuta a Caulonia e ha visto l’insediamento del comitato promotore che sarà presieduta da Peppino Lavorato, l’ex sindaco di Rosarno e amico del suo predecessore Giuseppe Valarioti, ucciso dalla ’ndrangheta nel 1980.
I dettagli del progetto sono stati illustrati dall’avvocato Gianfranco Schiavone (presidente dell’Asgi), dal giudice Emilio Sirianni di Magistratura democratica e dalla coordinatrice di Recosol, Chiara Sasso. Quest’ultima ha spiegato che la “fondazione avrà il compito di supportare tutte le attività e di cercare di farle ripartire. Cerchiamo di fare qualcosa perché Riace deve tornare quella che era prima”.
“Accoglieremo anche i migranti esclusi dal decreto Salvini – ha aggiunto Schiavone – Chiederemo di partecipare alle persone che vogliono contribuire alla rinascita di Riace”.
Nel paesino della Locride, secondo Lucano “sono rimaste tante persone che non hanno dove andare. Ormai siamo dei militanti politici e non ci possiamo tirare indietro”.
Il giudice Sirianni, invece, ha attaccato il ministro Matteo Salvini: “Se lo Stato italiano e l’Europa vogliono chiudersi, erigere muri e dichiarare la guerra santa contro questa umanità disperata, noi siamo dall’altra parte della barricata. Abbiamo cominciato a pensare a come fare a meno dello Stato Italiano che vuole fare a meno di noi”.
“Se anche gli Sprar verranno chiusi, – aggiunge ancora Sirianni – se lo Stato italiano intende non spendere neanche più un euro per accogliere questi uomini e queste donne, noi vorremmo dimostrare che è possibile accoglierli lo stesso a dispetto dello Stato Italiano e del suo ministro degli Interni”.
A proposito del vicepresidente del Consiglio è intervenuto anche padre Alex Zanotelli: “Un cristiano non può votare per Salvini. Il vangelo di Gesù è all’opposto del vangelo di Salvini. Bisogna scegliere: o uno o l’altro”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Parlamento, il mio appello per una nuova stagione civile. Cinque diritti che dobbiamo conquistare

prev
Articolo Successivo

San Ferdinando, l’inferno ignorato dalla politica: baracche senza luce e acqua, migranti si scaldano con i bracieri

next