“La nazionalizzazione non è un ipotesi sul tavolo”. A dirlo, rispondendo al sottosegretario alla Presidenza, Giancarlo Giorgetti, e alla linea di Luigi Di Maio e del M5s, è il commissario straordinario di Carige, Pietro Modiano, a margine dell’incontro col presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti. “Sulla nazionalizzazione degli istituti di credito mi trovo in disaccordo – ha detto Toti – Carige ha risorse e forze per rialzarsi sulle proprie gambe, prova ne è che oggi siamo felici di firmare l’accordo che conferma la partnership tra Banca Carige e Regione per il servizio di tesoreria”. “Siamo la banca del territorio, diventeremo la banca ‘esemplare’ del territorio a prescindere dalle prospettive di aggregazione” hanno inoltre ribadito i commissari straordinari di Carige, negando ogni paragone con casi come Mps e le banche venete: “Per mettere in sicurezza Carige non servono miliardi, ma bastano i 320 milioni di euro che il fondo interbancario aveva stanziato”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

2019, c’è chi predice una nuova recessione. Ma noi possiamo contare sui nostri giallo-verdi

prev
Articolo Successivo

Banco di Napoli, fu vero esproprio? Di certo i crediti non sono serviti al Sud

next