Gli aspiranti medici siciliani “non sanno neppure leggere il decreto”. Parola dell’assessore alla Sanità, Ruggero Razza, che con un decreto (che porta la sua firma) sta facendo infuriare i giovani medici dell’isola. Dal primo gennaio, infatti, è entrata in vigore una legge  – con lo scopo di superare il precariato del personale medico che opera nei servizi di emergenza del 118 – che rischia di penalizzare i medici vincitori del concorso in Medicina generale. I giovani neolaureati, infatti, potrebbero essere scavalcati da coloro che hanno svolto attività nel 118 da almeno 18 mesi, cioè da quelli che avevano scelto la strada della Medicina d’emergenza (a cui si accede, peraltro, attraverso un corso di sei mesi). Mercoledì l’assessore incontrerà i presidenti degli Ordini di riferimento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, Landini: “Controsenso che una parte vada alle imprese che assumono”

next
Articolo Successivo

Lavoro, disoccupazione al 10,5: lieve calo a novembre. Prosegue il trend su contratti: meno a termine, più stabili

next