Gli aspiranti medici siciliani “non sanno neppure leggere il decreto”. Parola dell’assessore alla Sanità, Ruggero Razza, che con un decreto (che porta la sua firma) sta facendo infuriare i giovani medici dell’isola. Dal primo gennaio, infatti, è entrata in vigore una legge  – con lo scopo di superare il precariato del personale medico che opera nei servizi di emergenza del 118 – che rischia di penalizzare i medici vincitori del concorso in Medicina generale. I giovani neolaureati, infatti, potrebbero essere scavalcati da coloro che hanno svolto attività nel 118 da almeno 18 mesi, cioè da quelli che avevano scelto la strada della Medicina d’emergenza (a cui si accede, peraltro, attraverso un corso di sei mesi). Mercoledì l’assessore incontrerà i presidenti degli Ordini di riferimento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, Landini: “Controsenso che una parte vada alle imprese che assumono”

prev
Articolo Successivo

Lavoro, disoccupazione al 10,5: lieve calo a novembre. Prosegue il trend su contratti: meno a termine, più stabili

next