“Oggi è una giornata simbolica per tutti i sardi e non solo, perché per la prima volta abbiamo avviato una riduzione dello spazio assegnato alle servitù militari, cedendo definitivamente la spiaggia di Porto Tramatzu ai cittadini”. Lo ha scritto il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, sul suo profilo Facebook ufficiale, postando anche un video della perla di Telulada, in provincia di Cagliari. “Per la prima volta la Difesa parla di bene comune e lavora perché quel bene comune possa essere reso disponibile per tutti, in maniera inclusiva: sia militari, sia civili”, aggiunge. “Abbiamo compiuto un passo in avanti, ereditando un accordo firmato nel 2017, un accordo che ho ritenuto positivo e che comunque si può migliorare, perché tutto è migliorabile, per questo pensiamo a un upgrade che concretizzeremo nelle prossime settimane. Ad ogni modo oggi la splendida spiaggia di Porto Tramatzu torna ai cittadini e questo è ciò che conta”, sottolinea. “Questa è una grande vittoria di tutti, una vittoria dell’Italia come Paese”, ha concluso il ministro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trieste, vicesindaco Lega: “Clochard di cui ho buttato vestiti? E’ barbone volontario, guadagna 1800 euro al mese”

prev
Articolo Successivo

#Napoliportoaperto, De Magistris regala il manuale di diritto della navigazione a Di Maio, Salvini e Toninelli

next