L’accordo era arrivato  dopo un lungo braccio di ferro tra Roma e Parigi. Ora si scopre che l’intesa firmata il 2 febbraio 2018 da Fincantieri con lo Stato francese per l’acquisizione del 50% del capitale di Stx France potrebbe violare le regole dell’Ue sulla concorrenza. La Commissione europea ha accolto la domanda presentata dalla Francia e dalla Germania che la invitavano a esaminare l’acquisizione alla luce del regolamento antitrust. Secondo l’esecutivo comunitario, si legge in una nota, “l’operazione potrebbe nuocere in misura significativa alla concorrenza nel settore della costruzione navale, in particolare per quanto riguarda il mercato mondiale delle navi da crociera” e “a livello europeo e mondiale”.

Gli uffici antitrust di Bruxelles affermano che il progetto di acquisizione di Chantiers de l’Atlantique da parte di Fincantieri non raggiunge le soglie di fatturato previste dal regolamento Ue sulle concentrazioni per le operazioni che devono essere notificate alla Commissione a causa della loro dimensione europea. Tuttavia l’accordo, precisa la Commissione, è stato però oggetto di notifica per autorizzazione in Francia e in Germania. La Francia ha presentato alla Commissione una domanda di rinvio a norma dell’articolo 22, paragrafo 1, del regolamento Ue sulle concentrazioni.

“Tale disposizione – si legge nel comunicato – permette a uno o più Stati membri di chiedere alla Commissione di esaminare una concentrazione che pur non rivestendo una dimensione europea incide sugli scambi all’interno del mercato unico e rischia di incidere in misura significativa sulla concorrenza nei territori degli Stati membri che presentano la richiesta”. La Germania si è associata alla richiesta di rinvio trasmessa dalla Francia. Sulla base degli elementi forniti dalla Francia e dalla Germania, e fatti salvi i risultati della sua indagine esaustiva, la Commissione ritiene che “l’operazione potrebbe nuocere in misura significativa alla concorrenza nel settore della costruzione navale, in particolare per quanto riguarda il mercato mondiale delle navi da crociera”.

La Commissione ha inoltre concluso di “rappresentare l’autorità più idonea a valutare i potenziali effetti transfrontalieri dell’operazione”. Di conseguenza, l’acquisizione di Chantiers de l’Atlantique da parte di Fincantieri sarà esaminata “nella sua integrità” da parte della Commissione. La Commissione intende ora chiedere a Fincantieri di notificare l’operazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Carige, il governo vara il decreto Tutela risparmio: “Garanzia statale sui bond e possibile ricapitalizzazione pubblica”

prev
Articolo Successivo

Carige, il decreto in Gazzetta. Fondo da 1,3 miliardi a copertura degli oneri ma garanzie fino a 3 miliardi

next