“Sono sicura al 100% che mi uccideranno, non appena uscirò dal carcere saudita”, “la mia famiglia è severa e mi ha chiusa in una stanza per sei mesi solo perché mi sono tagliata i capelli”. Così Rahaf Mohammed M Alqunun, la 18enne saudita che è fuggita dalla famiglia ed è trattenuta all’aeroporto di Bangkok, bloccata mentre tentava di raggiungere l’Australia. “Mi hanno preso il passaporto”, ha raccontato, mentre le autorità thailandesi hanno detto che le è stato negato l’ingresso nel Paese. La ragazza si è detta “spaventata” e ha raccontato che sta “perdendo la speranza”, ha inoltre dichiarato che il suo ‘guardiano’ avrebbe denunciato che stava viaggiando “senza il suo permesso”. Tra le pesanti restrizioni ai diritti delle donne in Arabia Saudita c’è la ‘tutela’ obbligatoria di un ‘guardiano’ maschio, da cui dipendono loro decisioni personali. Rahaf ha spiegato che sta fuggendo dalla sua famiglia, che l’ha sottoposta ad abusi fisici e psicologici. La giovane ha pubblicato vari tweet e vari video su Twitter dall’aeroporto, in uno dei quali dice che suo padre ha detto all’ambasciata saudita che lei sarebbe una “paziente psichiatrica” che deve essere rimandata indietro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Finlandia punta sull’intelligenza artificiale “Vogliamo formare 1 milione di cittadini” Obiettivo: diventare eccellenza mondiale

prev
Articolo Successivo

Antonella Napoli, la giornalista fermata e rilasciata in Sudan: “Cancellati miei video, ma si parli delle violenze di Al Bashir”

next