Tra dicembre e gennaio ho letto da più parti che gli e-book sono stati un flop perché rappresentano solo il 10% del fatturato delle case editrici. Secondo l’Istat, infatti, nel 2017 il mercato digitale continua a crescere ma resta una nicchia che non è in grado di far compiere un balzo al comparto. Eppure circa 27mila titoli, vale a dire oltre il 38% dei libri pubblicati nel 2017, sono disponibili anche in formato e-book e tale quota supera il 70% per i libri scolastici. Forse è troppo poco: gli editori dovrebbero fornire immediatamente la versione digitale e dare la possibilità di scelta al lettore.

Che nel nostro Paese i lettori digitali siano in costante crescita lo sostiene anche la ricerca annuale Rakuten Kobo sull’eReading: nel 2018 gli italiani sono quarti nella classifica mondiale e terzi per ore di lettura, dietro solo a Canada, Olanda e Francia. Questi dati confermano una tendenza già emersa: i libri in formato elettronico sembrano aver contribuito notevolmente all’aumento del tempo che gli italiani dedicano alla lettura.

Però complessivamente in Italia si legge ancora poco: nel 2017 solo il 41%, circa 23 milioni e mezzo di persone con più di 6 anni, ha letto almeno un libro per motivi non professionali. Per gli editori, sono due i principali fattori che determinano la modesta propensione alla lettura: il basso livello culturale della popolazione (42,6% delle risposte) e la mancanza di efficaci politiche scolastiche di educazione alla lettura (38,4%). Tutti concordano su un dato: l’abitudine alla lettura si acquisisce in famiglia. Tra i ragazzi di 11-14 anni legge l’80% di chi ha madre e padre lettori e solo il 39,8% di coloro che hanno entrambi i genitori non lettori. L’Istat certifica anche l’ampio divario territoriale: legge meno di una persona su tre nelle regioni del Sud (28,3%), quasi una su due in quelle del Nord-est (49,0%).

Dall’Istituto di ricerca arriva anche un’altra conferma: la popolazione femminile rivela una maggiore inclinazione alla lettura già a partire dai 6 anni; complessivamente il 47,1% delle donne, contro il 34,5% dei uomini, ha letto almeno un libro nel corso dell’anno. La quota più alta di lettori si riscontra tra i ragazzi di 11-14 anni. Il 12,7% è un lettore “forte”, ossia legge almeno un libro al mese. Tra i lettori forti anche le persone da 55 anni in su, che mostrano le percentuali maggiori: 16,5% tra i 55 e i 64 anni e 17,4% tra gli over 65. La lettura e il download di libri online e e-book sono attività diffuse soprattutto tra i giovani; in particolare, si dichiarano fruitori di questo tipo di prodotti e servizi più di un ragazzo su cinque tra 15 e 24 anni.

Saranno stati i dati diffusi dall’Istat a far slittare Tempo di Libri al 2020? Da più parti si mormora che forse non si tratta di un semplice rinvio ma di una vera e propria chiusura. Il presidente dell’Associazione Italiana Editori Ricardo Franco Levi, nel corso di una conferenza stampa e successivamente anche in un’intervista a Leggereonline.com, ha ribadito che Tdl tornerà: la data più papabile sembra essere febbraio. La Fiera Internazionale dell’Editoria di Milano si declinerà “guardando al futuro”, in altre parole sulle nuove frontiere del settore, con particolare attenzione alle generazioni 0-20. In realtà al digitale e alla tecnologia Tdl ha sempre dedicato molto spazio con incontri di altissimo livello: vedremo quali conigli saranno in grado di estrarre dal cappello.

In questa situazione, non certo rosea per il mercato editoriale italiano, si inserisce una notizia che farà sorridere i lettori e un po’ meno gli editori: dal primo gennaio 2019 migliaia di opere perderanno le protezioni legali e saranno quindi pubblicabili senza dover pagare i diritti. E si tratta di autori del calibro di F. Scott Fitzgerald, William Faulkner, Ernest Hemingway, Virginia Woolf, Thomas Mann, Marcel Proust e Agatha Christie. Google Books ci sta già lavorando e sono sicura che anche Amazon non starà a guardare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Il Fatto Personale

di Antonio Padellaro 12€ Acquista
Articolo Precedente

Teatro, i migliori spettacoli del 2018

next
Articolo Successivo

‘Il Lisippo è dell’Italia’. La fiaba della statua contesa si è chiusa, forse

next