Era sopravvissuto, per pura fortuna, alla strage di Capaci. E’ morto l’ultimo dell’anno, soffocato dal fumo mentre il fuoco divorava l’appartamento al terzo piano di via delle Ferriere, nel quartiere savonese di Legino: Walter Cucovaz, ex poliziotto e ex membro della scorta di Falcone, se ne è andato così ieri sera, poco dopo le 23. A dare l’allarme è stata una vicina che ha sentito prima l’odore del fumo che poi ha visto uscire da sotto la porta dell’appartamento. I vigili del fuoco sono arrivati immediatamente ma per l’uomo, 57 anni, non c’è stato nulla da fare. E’ stato trovato morto nel suo letto. Con tutta probabilità a appiccare il fuoco è stata una sigaretta.

Cucovaz era molto noto nel savonese: giovanissimo, aveva fatto parte della scorta del giudice Falcone ed era scampato all’attentato contro il magistrato perché la mattina del 23 maggio 1992 era smontato alle 7 dal servizio in tribunale e non era di scorta come in precedenza previsto. Dopo le stragi era stato trasferito più volte sempre nel nucleo scorte, a Bergamo e poi a Venezia. La protezione era la sua specialità: era stato addestrato alla scuola di polizia giudiziaria, amministrativa e investigativa (Pol.g.a.i.) di Brescia al reparto scorte, si era specializzato in guida veloce, karate, judo, tiro al bersaglio e aveva seguito un addestramento specifico alla protezione delle persone.

Nel 1983, a 22 anni, era stato destinato a Palermo in servizio effettivo ed era stato inserito nella protezione dei magistrati Falcone e Borsellino. Successivamente era stato trasferito in Lombardia al nucleo scorte durante i processi alle Brigate rosse. Da lì anche la protezione personale durante alcuni summit di capi di Stato in Veneto e, infine, aveva fatto la scorta all’allora presidente di Confindustria Pininfarina quando questo si recava nella sua tenuta di Garlenda, vicino a Albenga.

Ma Cucovaz non aveva dimenticato il caso che lo aveva fatto scampare alla strage ed era incappato – come aveva raccontato lui stesso – in una forte dipendenza da alcolici. Tutto questo, sommato alla solitudine e al suicidio di un poliziotto che considerava uno dei suoi più cari amici, l’aveva fatto cadere in una profonda depressione. L’ipotesi è che l’uomo si sia messo a letto e si sia addormentato, probabilmente fumando una sigaretta. La combustione del materasso avrebbe generato il fumo venefico che l’ha ucciso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Firenze, l’appello del direttore degli Uffizi Eike Schmidt alla Germania: “Restituite il quadro rubato dai nazisti”

prev
Articolo Successivo

Bologna, apre il primo supermercato autogestito: “Soci? Clienti e cassieri. Qui prodotti esclusi da grande distribuzione”

next