È iniziato il countdown per i festeggiamenti di Capodanno. Anche quest’anno la Polizia di Stato è impegnata nella campagna d’informazione e sensibilizzazione sull’uso corretto e consapevole dei fuochi artificiali, con due testimonial d’eccezione: gli attori Lillo & Greg, che hanno prestato il loro volto e la loro ironia per scoraggiare l’utilizzo dei botti illegali. Negli ultimi cinque anni durante la notte di Capodanno, pur non essendo stati registrati decessi, vi è stato tuttavia un incremento del numero dei feriti, soprattutto a causa di armi da fuoco. Da 6 feriti nel 2017 si è passati ad 11 nel 2018 per quanto riguarda le armi da fuoco. Tra i minori, si è registrato un implemento del dato complessivo dei ferimenti: 50 rispetto ai 48 dell’anno precedente. Gli episodi più gravi devono essere ricondotti all’uso sconsiderato di prodotti pirotecnici illegali nonché all’uso improprio di armi da fuoco

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riparte il futuro, storia di Sara e della sua lotta per una ricostruzione trasparente e partecipata a L’Aquila

next
Articolo Successivo

Novel food, il 40% degli italiani pronti a mangiare insetti. Un nostro cronista ha provato grilli, camole e locuste

next