Ad appena 48 ore dall’attracco della Open Arms nel porto di Crinavis, in Spagna, altre due Ong, la Sea Watch e la Sea Eye di nazionalità tedesca, hanno lanciato la richiesta di soccorso per avere un “porto sicuro” dove far sbarcare rispettivamente 32 e 17 migranti, salvati nei giorni scorsi al largo delle coste della Libia. La Sea Watch, in particolare, è da nove giorni in mare aperto, in attesa di comunicazioni, nelle acque tra Malta e Lampedusa. Dei 32 migranti a bordo, sull’imbarcazione si trovano quattro donne, tre adolescenti e tre bambini.

“Diciassette persone soccorse – è l’appello lanciato via Twitter dalla Sea Eye – provenienti da sette diverse nazioni africane. Per loro chiediamo un porto sicuro dove poter sbarcare”. In un comunicato la Ong spiega che i propri volontari si sono “opposti alla consegna delle persone soccorse alla Guardia costiera libica” perché avrebbe rappresentato una “violazione delle leggi internazionali“. “Speriamo – conclude la nota – di ricevere supporto dal ministero degli Esteri tedesco nella ricerca di un porto”.

“Siamo delusi – comunica Jan Ribbeck, capo della Missione di Sea Eye – dal comportamento del centro di coordinamento del soccorso marittimo di Brema: non hanno dichiarato né verbalmente né per iscritto di condividere la nostra visione, ma si sono limitati a dirci di seguire gli ordini dei libici”. Secondo il Mrcc Roma (Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto), citato dalla Sea Eye, “mancano all’appello 72 persone che sono partite a est di Tripoli quattro giorni fa. Non ci sono notizie neanche delle persone che si trovavano a bordo di due imbarcazioni e che sembrerebbero partite dalla stessa zona nella giornata di sabato”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Spettacoli: Festa delle luci, come Lione s’illumina di mille colori

prev
Articolo Successivo

Protesi al seno, Allergan sospende in Europa quelle testurizzate. Studi su correlazione con rara forma di tumore

next