Accuse, contraccuse, gilet azzurri indossati prima in Aula e poi davanti a Montecitorio con la promessa di portarli in piazza a gennaio. La discussione sulla legge di Bilancio finisce come era iniziata. Le opposizioni attaccano Lega e M5s per l’iter che ha portato all’approvazione e per i contenuti, il governo tira dritto e incassa la fiducia con 327 voti favorevoli (228 i contrari). Le nuove proteste producono l’effetto di ritardare i lavori, con la prima chiama per il voto prevista alle 18.30 e slittata a poco dopo le 19, con i deputati dem che hanno disertato per due volte per rallentare i lavori. La giornata a Montecitorio è stata agitata fin dal mattino. Prima con la protesta del Pd, poi quella tra gli scranni di Forza Italia.

I gilet azzurri: “Basta tasse” – I deputati forzisti indossano i gilet azzurri con scritte come “Giù le mani dal no profit” e “Basta tasse” spingendo il presidente della Camera, Roberto Fico, a richiedere l’intervento dei commessi e a sospendere la seduta per 5 minuti, fino a quando i parlamentari di Fi sono stati accompagnati fuori dall’Aula. Dove hanno proseguito la loro protesta. Mentre il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, dirama una nota: “Nessuno deve sottovalutare la gravità assoluta di quello che sta succedendo alla Camera nel metodo e nel merito. Questa legge di Bilancio aumenta le tasse, attacca le pensioni e il no profit. È una manovra che ipoteca il futuro dei giovani, ruba la pensione agli anziani, punisce chi fa del bene. Un mix di pauperismo e dilettantismo che l’Italia non può permettersi di subire a lungo”, accusa l’ex presidente del Consiglio annunciando di voler estendere la protesta alla piazza a gennaio

Delrio: “Sapete di non fare la prossima” – Sui contenuti punta il dito, invece, il Partito Democratico. “Sapete benissimo che non farete la prossima manovra altrimenti non l’avreste fatta così, scaricando tutti i costi nel prossimo anno e tutti gli oneri sulle nuove generazioni”, dice il capogruppo Graziano Delrio, capogruppo Pd, durante le dichiarazioni di voto rivolgendosi a M5S e Lega. “Avete fatto una legge di Bilancio illegittima e incostituzionale“, aggiunge. “Pensavamo che i 5 Stelle volessero portare una ventata nuova, un po’ di etica maggiore ed invece il filo rosso che lega tutti i provvedimenti che avete fatto è che avete premiato i furbi“. Invece, sostiene, “avete fatto il condono edilizio e fiscale. I milioni di cittadini onesti che cosa devono dire di voi? Che avete condonato coloro che hanno evaso le tasse? Questo è quello che volete? Un Paese che non rispetta più le regole? I cittadini onesti sono stati umiliati dai vostri provvedimenti”, attacca Delrio. 

La bagarre in Aula – E i dem scatenano la bagarre quando prende la parola la pentastellata Teresa Manzo: “Con questa manovra il popolo italiano torna sovrano e torna a decidere, se non è questo il Parlamento, che cos’è?”, si chiede per poi parlare dei “truffati delle banche non tutelati dal precedente governo”. A quel punto dai banchi del Pd scandiscono “condono, condono”, riferendosi al saldo e stralcio contenuto nella Manovra. Un antipasto di quanto avviene quando Manzo attacca di nuovo dicendo che i “poveri cercano da mangiare nella spazzatura“. A quel punto i i dem insorgono, richiamati dal presidente Fico che esorta a far concludere l’intervento, con Emanuele Fiano che chiede “di non venire offesi”. Un atteggiamento, quello del presidente della Camera, che ha spinto una decina di deputati dem a iscriversi a parlare a titolo personale “per protestare contro la mancata censura alla deputata grillina che ci ha insultato in sede di dichiarazione di voto”.

Lega: “Inspiegabile atteggiamento Fi” – Alle proteste ha reagito la Lega: “Penosa ma comprensibile la violenza del Pd, mentre è ridicolo e inspiegabile l’atteggiamento di Forza Italia per una manovra economica che, a differenza di quella che lo stesso Berlusconi votò quando governò con Monti e Fornero, inizia a smontare la stessa legge Fornero e restituisce diritti, dignità e soldi a lavoratori, imprenditori, disabili e a tutti gli italiani in generale”, dichiarano i capigruppo Massimiliano Romeo e Riccardo Molinari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mattarella premia coraggio, eroismo e impegno sociale: ecco i 33 cittadini ha cui ha conferito l’onorifecenza al merito

next
Articolo Successivo

Manovra, Boldrini la spiega con i cartelli: “Volete davvero sapere in cosa consiste?”

next