Una settimana fa Facebook ha ammesso di aver avuto un problema informatico che ha consentito a circa 1500 app di diversi sviluppatori di accedere alle foto “private” degli utenti. Sebbene l’azienda abbia assicurato di aver risolto il bug e avvertito gli interessati, adesso è disponibile una vera propria pagina web che consente di controllare la situazione del proprio profilo.

“Di recente, abbiamo individuato e risolto un problema che potrebbe aver interessato alcune delle app che hai collegato a Facebook. In precedenza, hai concesso a queste app l’autorizzazione per accedere alle tue foto su Facebook. Normalmente Facebook condivide su queste app le foto che hai pubblicato sul tuo diario”, spiega Facebook

“Tuttavia, tra il 13 e il 25 settembre 2018 si è verificato un bug in seguito al quale gli sviluppatori hanno ottenuto l’accesso ad altre foto, ad esempio quelle che potresti aver pubblicato su Facebook Stories oppure quelle che hai caricato ma che poi non hai pubblicato”.

Una volta cliccato su questo indirizzo appare un testo in evidenza che esplicita la situazione. Nella maggior parte dei casi dovrebbe apparire la scritta “il tuo account Facebook non è stato interessato dal problema e le app che usi non hanno avuto accesso ad altre tue foto”. In caso contrario vengono fornite indicazioni su come procedere.

“La nostra Normativa sui dati fornisce ulteriori informazioni relative a come vengono usate e condivise le tue informazioni, a come è possibile accedervi e puoi scoprire come contattarci in caso di domande”, ricorda Facebook.

Da rilevare, come ricorda l’esperto in sicurezza Umberto Rapetto, che l’incidente informatico avvenuto a settembre “costituisce ‘violazione dei dati’ e secondo l’articolo 33 del Regolamento 679 (il non mai abbastanza citato Gdpr) dovrebbe innescare una serie di adempimenti per contenere il danno venutosi a creare e dovrebbe includere comunicazioni puntuali sia alle Autorità di Controllo (in Italia il Garante Privacy) sia ai singoli cittadini ‘vittime’ dell’incidente”.

Al momento Facebook ha pubblicato una nota ufficiale per informare i potenziali interessati e, con questa ultima nuova pagina di controllo online, probabilmente considera di aver rispettato i suoi doveri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Recensione Samsung Galaxy A9 2018: le quattro fotocamere posteriori sono divertenti da utilizzare, i selfie convincono meno

next
Articolo Successivo

Smartphone e impermeabilità, meglio evitare le immersioni in acqua

next