Il governo degli Stati Uniti è in “shutdown” dalla mezzanotte di venerdì dopo che è fallito l’ultimo tentativo di negoziato tra il Congresso e l’amministrazione del presidente Donald Trump sulla richiesta di fondi per costruire il muro di confine con il Messico. Le operazioni di diverse agenzie chiave per il governo federale sono cessate alle 00:01 di sabato, nonostante i colloqui continuati fino a tarda sera a Capitol Hill tra i funzionari della Casa Bianca e i leader di entrambi gli schieramenti. Trump ha chiesto 5 miliardi per la costruzione di una barriera al confine tra il Messico e gli Stati Uniti ma i democratici sono fermamente contrari. “Spetta a loro dirci se stasera avremo o meno un shutdown”, ha detto Trump, accusando gli oppositori per la crisi. “Spero di no”, ha aggiunto il presidente, ma “siamo preparati per uno stop molto lungo“.

È il terzo “shutdown” di quest’anno e non è chiaro per quanto tempo continuerà. La situazione è critica, dato che 800mila impiegati federali saranno in congedo o costretti a lavorare senza retribuzione durante le vacanze di Natale. La maggior parte dei dipendenti della Nasa sarà rimandata a casa, così come i lavoratori del Dipartimento del Commercio e molti di quelli dei dipartimenti di Sicurezza interna, Giustizia, Agricoltura. I parchi nazionali rimarranno aperti, ma la maggior parte del personale non sarà al lavoro. Anche se i servizi essenziali e di sicurezza saranno operativi, gli effetti della disputa sul budget e dell’incertezza hanno gettato un’ondata di caos su Washington, già scossa dall’annuncio delle dimissioni del Segretario alla Difesa Jim Mattis. Wall Street ha concluso la sua settimana peggiore in un decennio e l’incapacità dell’amministrazione di svolgere uno dei suoi compiti più basilari – mantenere attivo il governo – sta causando profondo imbarazzo e ansia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Droni a Gatwick, nuovo avvistamento: voli di nuovo sospesi e poi riavviati. Ipotesi protesta ambientalista

prev
Articolo Successivo

Londra, cargo italiano sequestrato da quattro clandestini: liberato con un blitz delle forze speciali britanniche

next