Un arresto alla stazione di Torino Porta Nuova. Tre agenti della Polfer e due militari in servizio di pattugliamento bloccano un uomo. Questo si divincola, si vivono attimi concitati. Una scena ripresa dai cellulari dei passanti, qualcuno si ferma e solidarizza con l’arrestato. Una donna fa notare: “E’ un essere umano anche lui”, una seconda: “Siete in cinque contro uno”. Osservazioni che fanno saltare i nervi agli agenti. “A noi chi ci pensa? Invece di difenderli sempre!” urla uno di loro.

Il video è stato postato sulla pagina facebook del Csoa Gabrio di Torino, con un commento sull’accaduto: “Noi alla scena abbiamo assistito fin dall’inizio quando due poliziotti, mezzi nascosti dietro una colonna della stazione di Porta Nuova, urlavano ad un ragazzo africano di andarsene provando a togliergli il cappuccio della giacca e immobilizzandolo al muro. Sentendosi osservati dai passanti i poliziotti hanno provato ad allontanarsi insieme al ragazzo che, provando a divincolarsi, è stato atterrato da 5 agenti in servizio fra polizia e esercito. Il resto emerge evidente e chiaro dalle immagini registrate”. E, continuano: “I poliziotti, oltre ad un uso illegittimo e ingiustificato della forza, innervositi da coloro che riprendevano la scena hanno iniziato a prendersela con chi chiedeva spiegazioni portando l’intera vicenda sul piano malato, ma a cui ormai siamo tutti ben abituati, del “o loro o noi”. L’isteria che emerge dal video, la completa mancanza di rispetto e la spavalderia mostrata dagli agenti non fanno altro che riflettere il clima che si respira in tutto il paese”.

Di segno diverso il comunicato della Questura di Torino: “Questa mattina, in prossimità della fermata della metropolitana di Torino Porta Nuova, personale della Polizia di Stato impegnato nei consueti controlli alle fermate della Metropolitana, notava un soggetto sospetto e decideva di procedere alla sua  identificazione. Alla richiesta dei documenti, lo stesso opponeva una violenta resistenza, aggredendo gli operatori. Una pattuglia della Polfer sopraggiungeva in ausilio ai primi operatori, consentendo di bloccare definitivamente il soggetto: si tratta di un cittadino nigeriano di 26 anni, in Italia senza fissa dimora, inottemperante ad un ordine di espulsione del Questore di Torino. Durante le fasi dell’arresto, un operatore della Polfer veniva morso ad una gamba, riportando una ferita lacero contusa. Anche gli altri due operatori del commissariato Madonna di Campagna ricorreranno alle cure mediche. Il cittadino nigeriano è stato tratto in arresto per Resistenza e Lesioni a Pubblico ufficiale”

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanità, il 25 gennaio medici in sciopero contro la manovra: “Risposte deludenti alle richieste della categoria”

prev
Articolo Successivo

Ostia, 78 ispezioni dei vigili negli stabilimenti balneari “ma neanche un euro di multa”: indaga la Procura di Roma

next