Sedici anni di carcere. È quanto ha chiesto il sostituto procuratore Giuseppe Ledda per l’ex tipografo in pensione Roberto Pirrone, accusato dell’omicidio dell’ambulante senegalese Idy Diene ucciso a colpi di pistola il 5 marzo scorso sul ponte Vespucci a Firenze. La richiesta tiene conto di una pena effettiva di 24 anni, ridotti di 8 per il ricorso al rito abbreviato. Nonostante sia stato accertato che il pensionato fosse in grado di intendere e di volere durante il fatto, gli avvocati dell’uomo, Sibilla Fiori e Massimo Campolmi, hanno chiesto di tener conto della perizia psichiatrica che ha evidenziato come Pirrone soffrisse di disturbi depressivi per i debiti e le conseguenti liti con la moglie. La sentenza del Tribunale di Firenze è attesa per il prossimo 7 gennaio.

Pirrone ha sempre sostenuto di essere uscito di casa con l’intenzione di suicidarsi, salvo poi mettersi a sparare e uccidere a caso la prima persona incontrata per strada. “Mi sono detto sparo così vado in galera e la faccio finita con questa vita non dignitosa”, aveva detto agli inquirenti durante l’interrogatorio. In realtà dai filmati si nota come l’uomo abbia precedentemente incrociato e schivato altre persone prima di sparare con una pistola Beretta regolarmente detenuta. A individuare e fermare l’ex tipografo era stata una pattuglia dell’Esercito, impiegata nell’operazione Strade sicure.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Melito Porto Salvo, 6 condanne e 2 assoluzioni al branco guidato dal figlio del boss che stuprò una ragazzina di 13 anni

next
Articolo Successivo

Spese pazze Friuli, in appello rovesciate le assoluzioni: condannato anche assessore a Trieste e consigliere regionale Fi

next