Sedici anni di carcere. È quanto ha chiesto il sostituto procuratore Giuseppe Ledda per l’ex tipografo in pensione Roberto Pirrone, accusato dell’omicidio dell’ambulante senegalese Idy Diene ucciso a colpi di pistola il 5 marzo scorso sul ponte Vespucci a Firenze. La richiesta tiene conto di una pena effettiva di 24 anni, ridotti di 8 per il ricorso al rito abbreviato. Nonostante sia stato accertato che il pensionato fosse in grado di intendere e di volere durante il fatto, gli avvocati dell’uomo, Sibilla Fiori e Massimo Campolmi, hanno chiesto di tener conto della perizia psichiatrica che ha evidenziato come Pirrone soffrisse di disturbi depressivi per i debiti e le conseguenti liti con la moglie. La sentenza del Tribunale di Firenze è attesa per il prossimo 7 gennaio.

Pirrone ha sempre sostenuto di essere uscito di casa con l’intenzione di suicidarsi, salvo poi mettersi a sparare e uccidere a caso la prima persona incontrata per strada. “Mi sono detto sparo così vado in galera e la faccio finita con questa vita non dignitosa”, aveva detto agli inquirenti durante l’interrogatorio. In realtà dai filmati si nota come l’uomo abbia precedentemente incrociato e schivato altre persone prima di sparare con una pistola Beretta regolarmente detenuta. A individuare e fermare l’ex tipografo era stata una pattuglia dell’Esercito, impiegata nell’operazione Strade sicure.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Melito Porto Salvo, 6 condanne e 2 assoluzioni al branco guidato dal figlio del boss che stuprò una ragazzina di 13 anni

next
Articolo Successivo

Spese pazze Friuli, in appello rovesciate le assoluzioni: condannato anche assessore a Trieste e consigliere regionale Fi

next