Una ragazza di 18 anni si è data fuoco questa mattina poco prima delle 7 in un piazzale adibito a parcheggio a Vado Ligure (Savona). Subito soccorsa dai sanitari e dai vigili del fuoco, è sopravvissuta ma ha gravi ustioni sul 50% corpo per le quali è attualmente ricoverata all’ospedale San Martino di Genova. La ragazzina è in condizioni gravissime. Prima di compiere il gesto non ha lasciato biglietti né ha dato spiegazioni. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri del comando di Savona che si occupano delle indagini e degli accertamenti e stanno ascoltando in queste ore i testimoni dell’accaduto, oltre ad acquisire immagini delle telecamere della zona.

La ragazza ha emulato il padre: nel 2013 infatti l’uomo si tolse la vita nello stesso modo e nello stesso piazzale. Allora si parlò di gravi motivi di salute e di problemi economici: l’uomo era infatti il piccolo imprenditore che, subito dopo le elezioni, si presentò a casa di Beppe Grillo e, ripreso dalle telecamere di tutti i media nazionali, suonò al citofono per chiedere aiuto al leader del MoVimento 5 Stelle. Il 26 febbraio aveva parlato con il fondatore del MoVimento che aveva raccontato di lui in un comizio ad Avellino, mentre parlava della crisi: “C’è un uomo in difficoltà con il lavoro che ha chiamato il 118, il giorno dopo le elezioni, dicendo che andava a suicidarsi a casa di Beppe Grillo, perché non lavorava più. È successo un casino, con i carabinieri intorno a casa” aveva raccontato Grillo. Mauro S.. muratore e piastrellista, aveva 47 anni. quando poi il 17 maggio 2013 si tolse la vita usando una tanica di benzina che fu trovata accanto al cadavere.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sondrio, auto contromano sulla statale 38: sei persone muoiono in un frontale

prev
Articolo Successivo

Palermo, fermato un minorenne per l’omicidio del clochard Aldo: “Colpito alla testa con spranga per rubargli 25 euro”

next