“I retroscena politici parlano di contatti tra il Pd e il M5s? E’ fantapolitica. Non so davvero dove abbiano preso questi ragionamenti, ma non esiste un contatto con i vertici dirigenti del M5s. Non esiste nella maniera più assoluta“. Sono le parole di Maurizio Martina, candidato segretario del Pd, in una lunga intervista concessa a Radio Popolare.
E spiega: “So bene che la Lega e il M5s non sono la stessa cosa. Il nostro obiettivo deve essere quello di recuperare tanti elettori che il 4 marzo non hanno votato centrosinistra, ma hanno votato i 5 Stelle per speranza o per domanda di cambiamento e che oggi sono in grandissima difficoltà. Li incontriamo tutti i giorni, penso che ciascuno di noi abbia a che vedere con cittadini che hanno dato un voto di fiducia già tradito”.
Il politico dem precisa: “Non credo nella possibilità di un lavoro dei 5 Stelle che riconverta quello che in 100 giorni hanno fatto e ancora dicono in queste ore, totalmente succube della propaganda leghista. Qualche giorno fa Di Maio, tradendo il suo programma, è riuscito a dire che, semmai ci sarà uno straccio di sperimentazione sul reddito di cittadinanza, non riguarderà i cittadini immigrati. Qualche ora fa, lo stesso Di Maio ha spiegato che è bene che nel Mediterraneo non ci siano più le Ong: sono al carro del dominio propagandistico della Lega. Noi” – chiosa – “non possiamo non vedere l’involuzione che il M5s sta subendo. E parlo dei suoi vertici, perché invece a me interessa tantissimo ricostruire un rapporto con gli elettori in difficoltà che oggi non voterebbero più M5s, ma non si affidano ancora al centrosinistra e stanno aspettando anche da noi un segnale di novità forte”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Manovra, fonti Mef: “Clima positivo dopo incontri di Tria con Moscovici e Dombrovskis”

prev
Articolo Successivo

Pensioni d’oro, gli ex-dirigenti: “Noi pronti alla guerra. Taglio di 500 euro su 5mila? Non andrò più in vacanza”

next