Gli iscritti del Movimento 5 stelle da oggi possono segnalare in rete candidati ed eletti che “non rispettano i principi che stanno alla base del M5s”. La funzione è stata inserita su Rousseau, la piattaforma per la partecipazione diretta degli utenti, e annunciata sul Blog delle Stelle con un post firmato dal collegio dei Probiviri (coloro che vigilano sul rispetto delle regole interne). Le segnalazioni dovranno essere fatte tramite un apposito form da compilare e accompagnate da documenti che sostengano la denuncia di comportamenti o azioni.

“Il M5s è una comunità”, si legge nel post, “che si regge sul supporto di tutti, e abbiamo bisogno del tuo aiuto per tutelare il lavoro e l’impegno degli iscritti, garantendo equità, merito e giustizia. Segnalazioni sarà l’unico strumento attraverso il quale avanzare le segnalazioni. Ogni segnalazione per essere sottoposta a valutazione deve contenere necessariamente una documentazione completa ed esauriente che dimostri l’effettiva violazione di comportamenti, azioni o condotte segnalati”.

Fino adesso le segnalazioni venivano fatte attraverso il parlamentare di riferimento del territorio o rivolgendosi direttamente allo staff M5s, ma proprio l’assenza di risposta o la lentezza nel vagliare i singoli casi hanno creato numerose polemiche in passato. “Le segnalazioni non supportate da adeguati riscontri oggettivi”, conclude l’annuncio dei Probiviri, “assimilabili a ‘intento persecutorio’ nei confronti del segnalato, possono portare all’apertura di una procedura disciplinare a carico del segnalatore. Sarà il Collegio dei Probiviri, l’organo che vigila sul rispetto dei doveri degli iscritti, a irrogare le sanzioni disciplinari secondo le modalità stabilite dallo Statuto e nel rispetto del Codice Etico”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Strasburgo, Bizzotto (Lega) se la prende con i francesi: “Non hanno ancora preso il killer, in Italia non sarebbe successo”

prev
Articolo Successivo

Pd, in Sicilia è caos: Farone unico candidato. Piccione si ritira: “Per lui voti da Fi”. Le primarie verso l’annullamento

next