Calci, pugni e cinghiate: nelle immagini delle videocamere di sorveglianza, secondo la procura di Bari, c’è la prova che i militanti di Casapound hanno deliberatamente aggredito alcuni partecipanti al corteo antifascista del 21 settembre.

Nell’aggressione rimasero ferite tre persone: Giacomo Petrelli di Alternativa Comunista, Antonio Perillo, assistente parlamentare dell’eurodeputata Eleonora Forenza (anche lei presente al momento dell’aggressione) e Claudio Riccio di Sinistra Italiana.

Per quella “spedizione punitiva”, come l’ha definita la procura barese, è scattata un’inchiesta che ha portato all’iscrizione nel registro degli indagati di 30 militanti di estrema destra “chiamati a raccolta da tutta la Puglia” e al sequestro preventivo della sede del partito nel capoluogo pugliese. Nell’inchiesta sono indagati anche 5 persone che parteciparono al corteo antifascista per la reazione contro le forze dell’ordine, seguita all’aggressione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Terrorismo, individuata dal Ros cellula Isis che rapì cooperante italiano

prev
Articolo Successivo

No Tav, la Cassazione: “Reazione di rabbia provocata” dal lancio di lacrimogeni delle forze dell’ordine

next