Calci, pugni e cinghiate: nelle immagini delle videocamere di sorveglianza, secondo la procura di Bari, c’è la prova che i militanti di Casapound hanno deliberatamente aggredito alcuni partecipanti al corteo antifascista del 21 settembre.

Nell’aggressione rimasero ferite tre persone: Giacomo Petrelli di Alternativa Comunista, Antonio Perillo, assistente parlamentare dell’eurodeputata Eleonora Forenza (anche lei presente al momento dell’aggressione) e Claudio Riccio di Sinistra Italiana.

Per quella “spedizione punitiva”, come l’ha definita la procura barese, è scattata un’inchiesta che ha portato all’iscrizione nel registro degli indagati di 30 militanti di estrema destra “chiamati a raccolta da tutta la Puglia” e al sequestro preventivo della sede del partito nel capoluogo pugliese. Nell’inchiesta sono indagati anche 5 persone che parteciparono al corteo antifascista per la reazione contro le forze dell’ordine, seguita all’aggressione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terrorismo, individuata dal Ros cellula Isis che rapì cooperante italiano

next
Articolo Successivo

No Tav, la Cassazione: “Reazione di rabbia provocata” dal lancio di lacrimogeni delle forze dell’ordine

next