Calci, pugni e cinghiate: nelle immagini delle videocamere di sorveglianza, secondo la procura di Bari, c’è la prova che i militanti di Casapound hanno deliberatamente aggredito alcuni partecipanti al corteo antifascista del 21 settembre.

Nell’aggressione rimasero ferite tre persone: Giacomo Petrelli di Alternativa Comunista, Antonio Perillo, assistente parlamentare dell’eurodeputata Eleonora Forenza (anche lei presente al momento dell’aggressione) e Claudio Riccio di Sinistra Italiana.

Per quella “spedizione punitiva”, come l’ha definita la procura barese, è scattata un’inchiesta che ha portato all’iscrizione nel registro degli indagati di 30 militanti di estrema destra “chiamati a raccolta da tutta la Puglia” e al sequestro preventivo della sede del partito nel capoluogo pugliese. Nell’inchiesta sono indagati anche 5 persone che parteciparono al corteo antifascista per la reazione contro le forze dell’ordine, seguita all’aggressione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terrorismo, individuata dal Ros cellula Isis che rapì cooperante italiano

next
Articolo Successivo

No Tav, la Cassazione: “Reazione di rabbia provocata” dal lancio di lacrimogeni delle forze dell’ordine

next