Si chiama METRO ed è un “compact utility vehicle” 100% elettrico. A portare in Italia questo innovativo furgone è Electropolis, azienda Toscana specializzata nella mobilità elettrica che gestisce l’assemblaggio nonché la progettazione e la realizzazione degli allestimenti.

Il METRO è un veicolo commerciale pensato per lavorare giorno e notte, può essere alimentato da una o da due batterie al litio da 13 kwh ciascuna che permettono al mezzo di raggiungere una velocità di 85km orari. Presentato in due versioni: I e II; la versione METRO II ha un’autonomia di ben 250km con un tempo di ricarica che oscilla tra 4 e 8 ore.

METRO è un mezzo robusto ma leggero e aerodinamico, grazie al telaio di progettazione tedesca, ed ha una capacità di carico di circa 600 kg. L’abitacolo è ben protetto, dotato di airbag di serie e molto confortevole, mentre la guida risulta piacevole e ovviamente silenziosa.
Uno dei punti di forza del veicolo è il software “made in USA” che include un potente sistema di “auto diagnosi” in grado di facilitare il rilevamento di eventuali guasti e un’app per il monitoraggio della flotta. I bassi costi di manutenzione (circa 1/6 di quella necessaria a un mezzo tradizionale), la sicurezza, e l’affidabilità rappresentano benefici importanti per gli utilizzatori del METRO, la cui efficacia produttiva ha pochi rivali nella sua classe.
La dotazione di base del METRO include gli airbag, i cerchi in lega da 14’’, la retro-camera e il sistema EPS. Come opzioni sono disponibili l’impianto frenante con ABS, l’aria condizionata e l’accensione senza chiave. Inoltre, i veicoli Metro possono attingere energia dal sole, grazie alla possibilità di installare fino a tre pannelli solari sopra il cassone di una superficie di 1350X660 mm ciascuno che possono produrre un’energia totale pari a 420Wp.

“Nei prossimi anni l’impiego di veicoli commerciali a emissioni zero sarà sempre più diffuso anche in Italia” – afferma Federica Cirinei, Direttore Generale di Electropolis – “abbiamo investito nel METRO perché è senza dubbio uno dei mezzi commerciali elettrici più innovativi e flessibili nel panorama mondiale. Abbiamo creato una rete di assistenza capillare in tutta Italia e ci siamo organizzati per essere in grado di progettare e produrre oltre 50 diverse tipologie di allestimento.”

Il METRO non è solo un mezzo per chi opera nel settore della logistica urbana e per le consegne “ultimo miglio” ma può facilmente diventare un furgone frigorifero, un mezzo di raccolta, una spazzatrice, un minibus da turismo, uno scuolabus e tanto altro ancora.

Electropolis sta costruendo la sua rete commerciale ed è alla ricerca di concessionarie in tutta Italia che credono nel traffico ecologico e vogliono sposare un progetto ambizioso.

Le novità non finiscono qui. “Progettiamo, forniamo e gestiamo soluzioni di “van sharing” chiavi in mano per venire incontro a enti, consorzi e organizzazioni che desiderano proporre un servizio innovativo di condivisione veicoli commerciali.” spiega Federica Cirinei – “I mezzi sono predisposti per essere controllati in remoto e Electropolis ha sviluppato una app che permette la gestione completa del servizio con un modello “pay per use. Il fruitore può identificare dove è parcheggiato il mezzo, prenotarlo tramite lo smartphone e sbloccarlo tramite un codice univoco pagandone soltanto l’utilizzo”.

“Poter parcheggiare ovunque e circolare liberamente nei centri cittadini e in molte aree ZTL è solo uno dei vantaggi offerti da un veicolo commerciale elettrico” – conclude Cirinei –

“Lavorare senza inquinare è in realtà un dovere e con il Metro offriamo una soluzione estremamente competitiva ed efficiente”.

Electropolis sta costruendo un canale indiretto ed è alla ricerca di concessionarie in tutta Italia che credono nel traffico ecologico e vogliono sposare un progetto ambizioso e futuribile. Per informazioni è possibile chiamare il numero 0586/940101 o inviare un’email all’indirizzo commerciale@electropolis.it

Articolo Precedente

Il Latte made in Italy

prev
Articolo Successivo

Auto, quali sono i gusti dei millennials? Ecco le scelte dei più giovani

next