“Non è questione di destra, sinistra, centro, movimento o non movimento: bisogna sedersi ad un tavolo con ingegneri, architetti, filosofi ed artisti e contaminarsi”. Così Beppe Grillo, a Roma per la presentazione parlando di Tav alla Nuvola di Fuksas in occasione della presentazione del libro “Palermo Connection” di Petra Reski. “La politica ha l’obbligo di avere una visione della società”, ha aggiunto, dopo aver attaccato la stampa, bollata come ‘infantile’. “Voi avete l’obbligo di far dire o ‘sì’ o ‘no’. Ma la soluzione non è quella, è più vasta”.
Poi, pur senza aver prima risposto alle domande dei cronisti alla domanda se la Tav, alla fine, si farà o meno, ha affondato sugli industriali a favore dell’opera: “Abbiamo il 40% del trasporto europeo che porta container vuoti. E facciamo infrastrutture per portare la metà di questi mezzi che sono vuoti. Gli industriali protestano perché gli togli il cemento, il loro progresso. Senza calcestruzzo non hanno idee. L’Alta velocità ce l’avevamo già 15 anni fa, poi sono arrivati quelli del cemento”
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Grillo ai giornalisti: “Non vi parlo, siete malvagi dentro”. E dal palco: “Le vostre domande sono cazzate, voi infantili”

prev
Articolo Successivo

Lega, in piazza il forcone, il gilet giallo e il fautore di “Italexit”. E c’è anche il “nostalgico”: “Salvini? Erede del Duce”

next