Facebook “induce ingannevolmente gli utenti” a registrarsi, senza informarli “adeguatamente e immediatamente, in fase di attivazione dell’account, dell’attività di raccolta, con intento commerciale, dei dati da loro forniti, e, più in generale, delle finalità remunerative che sottendono la fornitura del servizio di social network, enfatizzandone la sola gratuità“. Inoltre, il social network “esercita un indebito condizionamento nei confronti dei consumatori” che subiscono, “senza espresso e preventivo consenso”, la trasmissione dei propri dati “da Facebook a siti web e app di terzi, e viceversa, per finalità commerciali”. Per questo motivo l’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha sanzionato Facebook Ireland Ltd. e la sua controllante Facebook Inc. con due multe per complessivi 10 milioni di euro.

L’Antitrust ha chiuso l’istruttoria per presunte violazioni del Codice di Consumo il 29 novembre scorso, accertando la violazione degli articoli 21 e 22 per quanto riguarda il primo caso e degli artt. 24 e 25 per il secondo. Secondo l’Autorità, le informazioni che Facebook fornisce al momento dell’attivazione di un account sono “generiche e incomplete”, e il social network di Mark Zuckerberg non ha un’adeguata distinzione “tra l’utilizzo dei dati necessario per la personalizzazione del servizio (con l’obiettivo di facilitare la socializzazione con altri utenti “consumatori”) e l’utilizzo dei dati per realizzare campagne pubblicitarie mirate”.

L’indebito condizionamento deriva invece, si legge nel comunicato di Agcm, “dall’applicazione di un meccanismo di preselezione del più ampio consenso alla condivisione di dati. La decisione dell’utente di limitare il proprio consenso comporta, infatti, la prospettazione di rilevanti limitazioni alla fruibilità del social network e dei siti web e app di terzi. Ciò condiziona gli utenti a mantenere la scelta preimpostata da Facebook”, scrive l’Antitrust.

Nello specifico il social network, “attraverso la preselezione della funzione ‘Piattaforma attiva‘, preimposta l’abilitazione ad accedere a siti web e app esterni con il proprio account, predisponendo la trasmissione dei dati dell’utente ai singoli siti web e app, in assenza di un consenso espresso da parte dello stesso”. Facebook reitera, poi, “il meccanismo della preselezione in opt out, rispetto ai dati che vengono condivisi, nella fase in cui l’utente accede con il proprio account a ciascun sito web e app di terzi, inclusi i giochi“. “L’utente può, infatti, anche in questo caso, solo deselezionare la preimpostazione sui dati operata da Facebook, senza poter attuare in ordine agli stessi una scelta attiva, libera e consapevole“, conclude l’Antitrust.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Crescita, Fitch taglia le stime per l’Italia: “Quest’anno +1% e nel 2019 +1,1%. Incertezza su impatto della manovra”

next
Articolo Successivo

Manovra, ok della Camera con 312 sì. Lunedì va al Senato: attese le modifiche per cercare intesa con la Ue

next