Berlusconi dice che ogni giorno si sbatte per farmi rinsavire e per allontanarmi dal M5s? Io ritengo davvero che lui sia un grandissimo. Ha fatto cose enormi in Italia, nel mondo, nello sport, nella politica, nell’editoria, nell’edilizia. Però io ragiono con la mia testa”. Sono le parole del vicepresidente del Consiglio, Matteo Salvini, ospite di “No Stop News”, su Radio Rtl 102.5.
E aggiunge: “A livello locale e regionale governiamo bene col centrodestra da 20 anni, però ho fatto una scelta, anche rischiosa, perché il 1 giugno potevo dire al presidente Mattarella che non volevo nessun governo e che si doveva tornare a votare, così la Lega avrebbe preso più voti. Ho scelto invece di mettermi in gioco e questo farò per gli anni a venire. Quindi, non ho bisogno di rinsavire. Ho tanti difetti, ma penso di alzarmi sobrio e lucido la mattina. Anche Gennaro (Gattuso, ndr) è un grande. Lunga vita a Gennaro Gattuso sulla panchina del Milan“.

Sull’accordo di governo con il M5s, il ministro dell’Interno puntualizza: “Io tiro dritto, è anche noioso ripeterlo. Ho firmato un impegno che dura 5 anni e lo porterò fino in fondo, a prescindere dai sondaggi e dalle simpatie. Ci sono parlamentari di Forza Italia che fanno la fila per entrare nella Lega? Non mi risulta, non mi interessa e non lo so, ma io non faccio il tram dove si sale e si scende a seconda delle convenienze”.

Salvini si dichiara poi a favore del Tav, afferma che è in corso l’analisi costo-benefici e si sofferma sul rapporto deficit/Pil: “L’Europa non può dirmi: ‘Devi fare 1,9%”. Ma deve chiedermi come uso i soldi. I tecnici stanno limando, poi arriverà il numeretto. Io non parto dal numeretto per mettere nella manovra finanziaria i contenuti, ma voglio cominciare a prendere gli impegni presi. E non passiamo il tempo con Conte e Di Maio a dire ‘2,2%, 2,7% o 2,3%. Parliamo di cose. Sono contento che finalmente a Bruxelles ci sia un atteggiamento costruttivo e abbiano capito la legge Fornero è una legge sbagliata“.

Il politico leghista smentisce categoricamente il retroscena del Corriere della Sera, secondo cui il governo starebbe studiando un’ipotesi di pensionamento a marzo 2019 per chi ha maturato i requisiti a 62 anni, più 38 anni di contributi da almeno 2 anni: “E’ una bufala. Fare il ministro dell’Interno mi occupa così tante ore al giorno che ho poco tempo per leggere e lamentarmi. Naturalmente i giornali sono pieni di attacchi pregiudiziali. Non ci sono penalizzazioni per chi sceglie di andare prima in pensione, né ci sono tagli. Ovviamente, se uno va in pensione a 62 anni, non porta a casa anche gli anni non versati. Su questi giornaloni ci sono anche critiche al mio dl sicurezza, che partono da cose che non esistono. Tutte palle. Il dl sicurezza dà più diritti ai rifugiati veri” – continua – “e sicuramente taglia costi e tempi a quelli che rifugiati veri non sono. E’ da 6 mesi che c’è questo atteggiamento ostile e pregiudiziale da parte di alcuni grandi mezzi di informazione pubblici e privati che hanno campato alle spalle di altri. Non faccio il piangina, ma penso che gli italiani siano molto più attenti rispetto a quanto qualche giornalone e Fazio di turno cercano di far credere. Se uno dovesse informarsi guardando Fazio, il Pd avrebbe il 97% e la Lega non esisterebbe, perché siamo brutti, razzisti, nazisti, fascisti e cattivi. Evidentemente gli italiani si informano in altra maniera e guardano poco Fazio. Mi spiace per lui e per la Rai”.

Attacco anche al sindaco di Napoli, Luigi de Magistris: “Ha detto che manderà i gommoni per prendere i migranti e ospitarli nella sua città? Faccio rispondere i napoletani. A Napoli sono stato tante volte: c’è un buco economico di centinaia di milioni di euro e il sindaco ogni volta mi chiede di dargli una mano. E poi cosa fa? Fa il fenomeno dicendo che prende lui tutti gli immigrati che non prende Salvini. Sono persone curiose. De Magistris non lo deve spiegare a quel cattivone di Salvini, ma ai napoletani delle periferie, che mi dicono che il Comune in quelle zone non si vede da anni. Io lavoro per Napoli a prescindere dal suo sindaco. Se poi lui vuole riempire Napoli di immigrati, lo vada a spiegare ai napoletani”.

Salvini, infine, si esprime sull’importanza del presepe, accusa nuovamente l’ostilità della stampa e aggiunge: “Sequestri Casamonica? Quello che si può fare è portare via loro anche le mutande. Il personale dell’agenzia dei beni confiscati alle mafie sarà più che raddoppiato. È necessario andare a sequestrare tutto il sequestrabile”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Lui non ci sarà”, da Renzi fino a Fazio e Chef Rubio: la Lega sceglie i ‘nemici’ per lanciare l’evento dell’8 dicembre

prev
Articolo Successivo

“I Renzi pagavano in nero”, il lavoratore a Radio Capital: “Parlai con Matteo, tutto a umma umma. Mai firmato nulla”

next