Collettivi politici di sinistra e anarchici, sindacati di base, centri sociali, associazioni cattoliche e laiche che si occupano di accoglienza agli immigrati. Hanno sfilato più di 10mila persone per le strade di Milano per dire no al decreto Sicurezza e la chiusura del centro di accoglienza di via Corelli, destinato a essere trasformato in centro per il rimpatrio. Tanti gli slogan e i cartelli contro il vicepresidente del Consiglio e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, che ha fortemente voluto il decreto, da “Mai più lager” a “Fermare Salvini”. Tanti anche gli striscioni, che recitavano: “Lega Salvini e lascialo legato” e “Lega ladrona. Salvini casta”.

Alla manifestazione, che ha preso il via da piazza Piola, in zona Città Studi, ed è terminata a pochi metri da via Corelli poco prima delle 18, hanno preso parte non solo i giovani dei centri sociali e la rete di Mai più lager-No ai Cpr ma anche, con le loro bandiere, la Camera del Lavoro, Arci, Rifondazione Comunista, Cgil, Fiom, Pci, e Cobas. Molte le bandiere rosse e delle varie organizzazioni sindacali.

La questione della destinazione del centro di via Corelli impegna gli esecutivi sia di centrodestra sia di centrosinistra da almeno vent’anni. I Cpt, centri di permanenza temporanea, furono infatti istituiti nel 1998 dalla legge Turco-Napolitano e al tempo i Radicali e Rifondazione comunista parlarono di “strutture inumane e illegali”. Tanti gli episodi verificatisi anche nella struttura di via Corelli. Di fatto gli stranieri non in regola con il permesso di soggiorno venivano rinchiusi in stato di detenzione, identificati e nel caso ce ne fossero i presupposti, espulsi dall’Italia. Le strutture poi vennero trasformate in Cie, centri di identificazione ed espulsione, ma le condizioni non cambiarono. Nel 2013 invece si è registrato un cambio di rotta con l’apertura del programma Sprar e politiche di accoglienza diffusa sul territorio. Il decreto Sicurezza ha segnato il cambio di rotta. Nel tardo pomeriggio è arrivata anche la risposta del ministro dell’Interno che sui social ha sottolineato come “anche oggi non manca il corteo anti-Salvini!”. “A Milano – ha aggiunto – i soliti kompagni protestano per i nuovi centri di rimpatrio degli immigrati clandestini previsti dal nostro decreto, diventato legge. Bacioni”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Arezzo, fiaccolata di 1500 persone per il gommista che ha sparato. I cori: “Legittima difesa”, “Fredy, Fredy”

next
Articolo Successivo

David Rossi, ritrovati i computer con le email inviate prima di morire: tutto il materiale nelle mani dei carabinieri

next