Confermate le condanne in appello a carico di Umberto Bossi e Francesco Belsito e la confisca di 49 milioni di euro. Per i giudici della corte d’Appello di Genova il Carroccio truffò sui rimborsi elettorali. “Io ho la coscienza a posto e facevo quello che mi dicevano – dichiara l’ex tesoriere della Lega  – forse qualcun altro no. Aspetto le motivazioni di questa sentenza e sono pronto a fare ricorso in Cassazione, i miei erano investimenti e quando me ne sono andato le casse della Lega erano piene”.
Il processo di secondo grado per truffa aggravata ai danni dello Stato da parte dell’allora Lega Nord si è concluso con la sostanziale conferma del verdetto di primo grado. Le pene sono più basse perché la truffa relativa al 2008 è prescritta. I giudici hanno inflitto 1 anno e 10 mesi al fondatore e presidente a vita del partito, Umberto Bossi, e 3 anni e 9 mesi all’ex tesoriere Francesco Belsito. Ridotte le pene anche per i tre revisori Diego SanavioAntonio Turci e Stefano Aldovisi: i primi due a otto mesi, il terzo a quattro mesi. Per  gli ex contabili i giudici hanno riformulato loro l’accusa da truffa a indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato. “I soldi c’erano e sono stati spesi, non so dire se bene o male” ha concluso Belsito.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fabrizio Corona, la Procura chiede il carcere e lui esce dall’aula facendo dirette sui social: “Siamo dalla parte giusta”

next
Articolo Successivo

Mantova, il padre del bambino morto nell’incendio: “Non sono stato io”. Il gip convalida il fermo

next