Scenderanno in piazza, ancora una volta, per dire “basta” alla violenza sulle donne. In migliaia sabato 24 novembre saranno a Roma per partecipare alla manifestazione organizzata da Non una di meno. Il corteo femminista partirà alle 14 da piazza della Repubblica e, passando per piazza dell’Esquilino, via Merulana e piazza Vittorio Emanuele II, arriverà a piazza di Porta San Giovanni.

Decine i pullman organizzati da diverse città italiane, da Milano a Napoli, per raggiungere la Capitale e unirsi allo stato di agitazione permanente che il gruppo femminista ha dichiarato da mesi. “La manifestazione nazionale, come ribadito in più occasioni, sarà aperta dalle donne e dalle soggettività lgbt*qia+ con i loro corpi liberi in #statodiagitazionepermanente, la loro creatività ed intelligenza e  il desiderio di riconoscersi e di autodeterminarsi”, si legge nel post dell’evento, che su Facebook ha già coinvolto oltre 17mila persone.

Ma non solo la violenza sulle donne. A muovere la “marea” di donne (ma anche molti uomini) numerose tematiche centrali nelle battaglie del gruppo, come la parità di genere e il Ddl Pillon. Un camion che ospiterà performance artistiche e le numerose voci del corteo chiuderà la manifestazione. “Un altro furgone animerà la seconda parte del corteo. Ci sarà anche uno spazio pit-stop itinerante per genitori e bambini: un furgoncino giallo con cuscini e zona morbida dove potersi riposare, allattare, cambiare un pannolino”, scrive ancora il gruppo nel post di presentazione della manifestazione.

A partecipare anche numerose altre associazioni e gruppi sindacali che, però, come chiesto espressamente dagli organizzatori dell’evento, marceranno senza simboli. Unici segni di riconoscimento consentiti, pañuelos fuxia e altre caratterizzazioni femministe, per “ribadire ancora una volta che il soggetto protagonista dell’evento sono le donne”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Verona, convegno di Forza Nuova e ultracattolici contro l’aborto. Anpi: “Evento che richiama odio”

next
Articolo Successivo

Femminicidio, perché le donne continuano a morire: “Dati falsati, si sottovaluta la violenza degli uomini”

next