Mi telefona la curatrice Elisa Greco: “Vuoi essere Artemisia per Incontri con la Storia?”. Dico ‘sì’, di getto. Ma che responsabilità, dare voce al primo MeToo della storia. E così per onorare la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, Elisa, nella monumentale Sala Bianca di Palazzo Pitti, a Firenze, mette in scena un vero e proprio processo: colpevole o innocente, “Artemisia contro Orazio”, praticamente la figlia contro il padre.

Artemisia Gentileschi, una donna tragicamente attuale, una femminista ante litteram, ha dato voce alle donne della sua epoca. Ha preso a calci un mondo di pregiudizi. Ecco l’incipit della mia difesa:

“Padre, per colpa tua tutti mi ricordano per lo stupro e, ahimè, non per la mia arte. Sono la primogenita, nostra madre è morta quando avevo 12 anni. Ho fatto da madre ai tuoi figli. 
Li ho accuditi, lavati, vestiti. Io a 12 anni ho smesso di esserti figlia. E tu di essermi padre. La mia ammissione all’Accademia delle Arti è stata una rivoluzione: sono stata la prima donna a ottenere un riconoscimento riservato solo agli artisti maschi. La pittura, come ben sai, alla nostra epoca, era considerata una pratica quasi esclusivamente maschile. Cosa voleva dire essere donna nel 1612: un essere debole, con pochi diritti, molti doveri e l’obbligo di essere pia, sottomessa e feconda. Ma soprattutto inferiore: qualunque marito o padre, fosse anche il più inetto e rimbambito, vale più della donna di cui è legalmente responsabile. 

Ho dovuto aspettare un anno perché tu ti decidessi a denunciare Tassi. Non potevo ricorrere alle vie giudiziali autonomamente, dato che all’epoca ciò non era consentito alle donne: dovevano essere i coniugi (o in tal caso il padre) a vendicare l’onta subita. La violenza non era considerata un’offesa alla donna bensì all’uomo che la possedeva, di cui ne era proprietario. Mi facevo chiamare ‘pittora’, per ribadire il mio essere donna. Ho ottenuto  importanti commissioni dalle famiglie fiorentine (compreso Cosimo de’ Medici). Galileo Galilei nutriva per me grande stima e chiamavo compare un giovanissimo Michelangelo Buonarroti. Mi ritenevo una sua pupilla, una sua legittima ‘figliola’ d’arte. Sono fiera della mia indipendenza che mi sono conquistata pennellata dopo pennellata. Ho vissuto del mio lavoro non della dote di famiglia, ho viaggiato, sono stata invitata alle corti reali di mezza Europa. Ho cercato di mettere quanta più distanza tra me e lo stupro subito. Una violenza che mi ha devastato il corpo e l’anima. Le prime ferite si sono rimarginate, le seconde no. Sono rimaste scolpite. Sono stata umiliata e torturata. E tu, padre, non hai mosso un dito! Già le dita. Avrei rischiato di perderle per sempre, danno incalcolabile per una pittrice. Il supplizio scelto era quello “dei sibilli” per stritolarmi le falangi. 

Mentre lui, il mio carnefice, Agostino Tassi, pur riconosciuto colpevole tornò in libertà dopo meno di un anno. E continuò la sua vita tumultuosa, disseminata di violenza su altre donne. Ma alcune amicizie nei posti giusti gli permisero di cavarsela il più delle volte. Invece io venivo etichettata come pittrice bella e scandalosa che mette in scena se stessa. Come nell’autoritratto dove suono il liuto. Il mio seno prorompente è una provocazione. Ho esorcizzato la violenza subita, l’ho buttata sulla tela. I miei quadri sono carichi di violenza. Scene bibliche, forti, brutali. Qualcuno ha insinuato che Artemisia non sarebbe diventata l’artista che sono se non fossi stata stuprata da Tassi.  Che ingiustizia mi ha riservato la storia! Si dovrebbe dunque ringraziare Tassi per aver così contribuito, si fa per dire, alla nascita di me come artista. I miei dipinti sono vigorosi e violenti semplicemente perché io sono Artemisia Gentileschi, per nascita e per temperamento. E soltanto grazie alla mia indole potente che mi ha permesso di superare lo stupro, il processo, il tuo insano rapporto con me. Se proprio volessi ampliare un po’ il ragionamento, il brutale molestatore al quale nel mio celebre dipinto vorrei tagliare la gola, in realtà non è Tassi, ma sei tu, padre. E con te tutto un mondo dove, a seconda se si nasce uomo o donna, avrai tutti i diritti oppure non ne hai nessuno…”

Instagram januaria_piromallo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sull’onda della nostalgia: Marco Pannella e il Premio Bagutta

prev
Articolo Successivo

Teatro San Carlo, la madre di tutte le Prime. Il ritorno a Napoli del figliol prodigo, Riccardo Muti, dopo 34 anni. E il palco reale si fa “politico”. En attendant quella scaligera…

next