“Siamo preoccupate e lo diciamo da tempo. Ma non passeranno:contro questo governo proclamiamo lo stato di agitazione permanente”. Tatiana del movimento Non Una di Meno non ha dubbi, mentre sono in migliaia a sfilare per il centro di Roma per la manifestazione in occasione della giornata contro la violenza sulle donne.

“Altro che governo del cambiamento: è il governo dell’arretratezza” dice ancora Tatiana. “È una situazione sempre più nera – dice Lella Palladino, presidente di D.I. Re Donne in rete contro la violenza -.Se è vero che non c’è stato un grossissimo taglio alle risorse destinate al piano nazionale contro la violenza sulle donne, è vero anche che dentro questo governo ci sono persone che portano avanti una grande rivalsa nei confronti delle donne e dei loro diritti”. I 5 stelle? “Si sono sempre espressi con battute molto sessiste – conclude Palladino -. Non avevamo grosse speranze rispetto a questo governo. Ma la realtà supera le nostre peggiori paure”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Violenza sulle donne, migliaia di persone in corteo a Roma. E Spadafora lancia la campagna #lapartitaditutti

next