“Siamo preoccupate e lo diciamo da tempo. Ma non passeranno:contro questo governo proclamiamo lo stato di agitazione permanente”. Tatiana del movimento Non Una di Meno non ha dubbi, mentre sono in migliaia a sfilare per il centro di Roma per la manifestazione in occasione della giornata contro la violenza sulle donne.

“Altro che governo del cambiamento: è il governo dell’arretratezza” dice ancora Tatiana. “È una situazione sempre più nera – dice Lella Palladino, presidente di D.I. Re Donne in rete contro la violenza -.Se è vero che non c’è stato un grossissimo taglio alle risorse destinate al piano nazionale contro la violenza sulle donne, è vero anche che dentro questo governo ci sono persone che portano avanti una grande rivalsa nei confronti delle donne e dei loro diritti”. I 5 stelle? “Si sono sempre espressi con battute molto sessiste – conclude Palladino -. Non avevamo grosse speranze rispetto a questo governo. Ma la realtà supera le nostre peggiori paure”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Violenza sulle donne, migliaia di persone in corteo a Roma. E Spadafora lancia la campagna #lapartitaditutti

prev
Articolo Successivo

Verona, gli antiabortisti sono 120. Fiore: “Qui vogliamo una Vandea”. In 500 per il flash-mob di “Non una di meno”

next