“Non è normale che sia normale” è la campagna contro la violenza sulle donne promossa dalla Camera dei deputati e lanciata dalla vicepresidente Mara Carfagna. Non è normale, dunque, che si verifichino atti di violenza ed è “fondamentale che il messaggi circoli, che il maggior numero di persone venga raggiunto”. Ecco così che decine di persone del mondo dello spettacolo, dello sport e della cultura, hanno dato il proprio contributo per dire no ai soprusi e ai maltrattamenti: da Beppe Fiorello a Claudia Gerini, da Noemi a Bruno Barbieri.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Violenza sulle donne, Istat: “Nel 2017 in 49mila si sono rivolte ai Centri. Il 56% delle operatrici ci lavora da volontaria”

prev
Articolo Successivo

Verona, convegno di Forza Nuova e ultracattolici contro l’aborto. Anpi: “Evento che richiama odio”

next