Se siete alla ricerca di un monitor per giocare, fra le tante opzioni in commercio prendete in considerazione anche il Dell S2719DGF, un prodotto con una diagonale utile di  27 pollici, frequenza d’aggiornamento fino a 155 Hz tramite overclock, e tecnologia TN. I bene informati, davanti all’ultima sigla staranno storcendo il naso, ignari del fatto che i monitor con questa tecnologia sono i migliori nell’ambito gaming.

TN sta per Twisted Nematic, e indica il modo in cui i cristalli liquidi sono allineati e polarizzati nel pannello. È il tipo di schermo più comune, che ha dalla sua parte bassi costi di produzione, tempi di risposta molto bassi (a valore minore corrisponde prestazione migliore) e la facilità di implementazione di alti refresh rate. Ecco perché ci sono pochi prodotti che possono competere con il Dell S2719DGF, per rapporto qualità/prezzo. Il costo infatti è di circa 470 euro, una cifra in linea con gli altri prodotti della categoria, e in diretta competizione con i monitor dotati di pannelli costruiti con tecnologie più moderne.

Il punto forte dell’S2719DGF è la velocità. Senza fare nulla, ha una frequenza di aggiornamento a 144 Hz, che diventano 155 Hz quando è collegato al computer mediante il connettore DisplayPort. Significa che nativamente aggiorna l’immagine 144 volte al secondo. Intervenendo via software, arriva a una velocità di 155 volte al secondo. Con i giochi non noterete alcun rallentamento, nemmeno durante i passaggi di scena più rapidi, a patto ovviamente di avere poi una scheda video adeguata.

La risoluzione è WQHD, pari a 2.560 x 1.440 pixel: più che ottima per giocare. Non manca la tecnologia FreeSync, compatibile con le ultime schede video di AMD, che permette di giocare senza alcun artefatto grafico. Ciò avviene perché la velocità dei fotogrammi riprodotti dalla scheda video e quella di aggiornamento del monitor combaciano in ogni momento. I monitor senza FreeSync (o nel caso delle GPU Nvidia, il G-Sync) non hanno una frequenza di aggiornamento variabile, quindi si generano problemi identificati dagli appassionati con i termini inglesi “tearing” e “stuttering”, ossia righe verticali e piccoli scatti nella riproduzione di contenuti veloci.

Esteticamente parlando, il S2719DGF è un prodotto bello da vedere, con una cornice di soli 6 mm attorno allo schermo, e un supporto verticale solido che lo rende stabile nei movimenti. Potete regolare l’altezza e l’inclinazione, oltre che ruotare il monitor di 45 gradi in tutte le direzioni. Si può anche disporre lo schermo in modalità verticale: non ha alcuna utilità nei giochi, ma in ufficio ha i suoi vantaggi.

Nella parte posteriore la linea è leggermente curva, e mancano gli altoparlanti integrati: bisogna acquistarne a parte. Una spesa in più che ricambia con una qualità quasi certamente migliore di quella dei prodotti integrati. Nell’uso produttivo, il Dell S2719DGF è perfetto per navigare su Internet e usare qualsiasi software da ufficio. La resa cromatica è ottima, con buona fedeltà allo spazio colore sRGB. Con i giochi abbiamo condotto alcuni test usando Tomb Raider, che ha funzionato a 50 frame per secondo (sopra ai 30 frame per secondo la giocabilità è buona). Ottima la resa anche con lo sparatutto in prima persona Far Cry 4. L’unica nota negativa è che speravamo che il contrasto fosse più accentuato.

Un aspetto importante per i giocatori è il menu relativo ai giochi, in cui ci sono il selettore che abilita l’overclock e permette di sfruttare i 155 Hz. Non manca poi l’opzione per attivare o disattivare il FreeSync. La funzionalità Dark Stabilizer permette di aumentare i dettagli delle ombre. Nelle modalità d’immagine FPS, RTS o RPG vengono messi a disposizione anche i controlli per gestire colore e saturazione.

Manca la possibilità di controllare la gamma colore, ma fortunatamente il Dell S2719DGF segue in maniera corretta lo standard. Dopo avere eseguito tutti i test, possiamo concludere che questo monitor può entrare senza problemi nel nostro elenco di prodotti che non necessitano di calibrazione. Ottima infine la luminosità, che arriva a un massimo di circa 350 candele.

Nel complesso questo monitor vale il prezzo richiesto. A partire dall’eccellente qualità costruttiva e dal design elegante, passando per il supporto in grado di offrire una vasta gamma di posizioni, il Dell S2719DGF sembra davvero un monitor da oltre 500 euro. La parte che abbiamo preferito è la fantastica precisione dei colori, quasi perfetta già di fabbrica. È uno dei monitor per il gaming più precisi mai visti in questa fascia di prezzo. L’unica cosa che avremmo desiderato è un contrasto maggiore, ma è qualcosa che potremmo dire di qualsiasi monitor che abbiamo testato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il sistema satellitare Galileo è un orologio estremamente preciso che favorirà l’Internet delle cose

next
Articolo Successivo

La Francia abbandona Google per ‘Qwant’. Scelta etica? No: è geopolitica

next