Salvini ha auspicato un inceneritore per ogni provincia in Campania? Veramente lui è andato a Napoli per il comitato sull’ordine pubblico e la sicurezza, che peraltro compete al suo ministero. Salvini non ha particolare competenza in campo ambientale, che spetta invece al ministro dell’Ambiente Costa, né credo che conosca la reale situazione e la storia dei rifiuti in Campania”. Sono le parole pronunciate ai microfoni di 24Mattino, su Radio24, dalla senatrice M5s Vilma Moronese, presidente della Commissione Territorio, Ambiente e Beni Territoriali al Senato.

E spiega: “I problemi sui rifiuti in Campania sono essenzialmente due: lo smaltimento illecito, che nel corso degli anni si è trasformato nei roghi dei rifiuti speciali e industriali nelle periferie, e l’incendio degli impianti, fenomeno che, peraltro, coinvolge tutto il territorio nazionale. Quindi, il problema non è la mancanza di impianti, ma gli incendi provocati su questi impianti che in Campania sorgono come funghi, grazie anche alle autorizzazioni che la Regione Campania rilascia, secondo me, con una superficialità e una velocità imbarazzanti. Dietro questi impianti” – continua – “ci sono spesso le stesse società o società con nomi nuovi, ma con gli stessi soggetti che sono stati già coinvolti in procedimenti giudiziari relativi a illeciti sui rifiuti. Riguardo a quello che è di competenza al ministro Salvini, lo invito e lo esorto a mettere in atto provvedimenti nei confronti di questi soggetti, i quali, grazie anche alla compiacenza di colletti bianchi e di amministratori e funzionari pubblici, hanno messo su questo sistema criminale dei rifiuti. E’ questo il punto su cui bisogna battere”.

La senatrice aggiunge: “Nelle scorse legislature, come nel 2015, sono state inserite delle norme per continuare a dare incentivi ai termovalorizzatori. Ma chiediamoci perché questi impianti vengono incendiati. Per due motivi: o perché si devono togliere le prove di rifiuti acquisiti in quantità superiore a quanto autorizzato o perché si vogliono convogliare i rifiuti verso determinati impianti in modo da far sembrare che si abbia bisogno di altri termovalorizzatori. Questi incendi hanno proprio una finalità imprenditoriale. È un business enorme.  Si vuole creare un’emergenza che invece non c’è, non c’è bisogno di altri impianti, bastano quelli che abbiamo Il punto è capire chi beneficia di questi incendi e di questi impianti”.

Moronese sottolinea: “Le direttive europee ci dicono che quello dell’incenerimento dei rifiuti è ormai una tecnica obsoleta e che si deve mirare all’economia circolare, al riuso, al riciclo. E con gli inceneritori facciamo un passo indietro. Non esiste proprio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Anticorruzione, nomi pubblici dei donatori: la Lega vuole alzare la soglia del finanziamento. Scontro con il M5s

next
Articolo Successivo

Agenzia spaziale, il Miur ufficializza il commissariamento: Piero Benvenuti e Giovanni Cinque sono i traghettatori

next