Il coordinamento dei collettivi studenteschi ha inscenato un flash mob davanti al provveditorato di Milano. Un gruppo di giovani ha srotolato uno striscione con la scritta: “Ci vogliono ignoranti, ci avranno ribelli: le scuole sicure le fanno gli studenti, i fondi per l’edilizia e per una formazione di qualità”.

I ragazzi hanno portato le macerie causate dai danni delle scorse piogge a istituti lasciati senza finanziamenti: “Sono il simbolo dello stato di devastazione della Scuola pubblica. Ci vediamo venerdì 16 novembre alle h.9.30 i largo Cairoli per il corteo del #NoSalviniDay”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vimercate, confessa lo studente che aveva lanciato la sedia alla professoressa: “Una cosa stupida. Non volevo ferire”

prev
Articolo Successivo

Roma, occupanti nell’ex Penicillina tra amianto e rifiuti: “Sgombero? Non lasciateci in strada, rischio altri ghetti”

next