Il coordinamento dei collettivi studenteschi ha inscenato un flash mob davanti al provveditorato di Milano. Un gruppo di giovani ha srotolato uno striscione con la scritta: “Ci vogliono ignoranti, ci avranno ribelli: le scuole sicure le fanno gli studenti, i fondi per l’edilizia e per una formazione di qualità”.

I ragazzi hanno portato le macerie causate dai danni delle scorse piogge a istituti lasciati senza finanziamenti: “Sono il simbolo dello stato di devastazione della Scuola pubblica. Ci vediamo venerdì 16 novembre alle h.9.30 i largo Cairoli per il corteo del #NoSalviniDay”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Vimercate, confessa lo studente che aveva lanciato la sedia alla professoressa: “Una cosa stupida. Non volevo ferire”

next
Articolo Successivo

Roma, occupanti nell’ex Penicillina tra amianto e rifiuti: “Sgombero? Non lasciateci in strada, rischio altri ghetti”

next