“Stiamo assistendo a troppi episodi di ostilità nei confronti di stranieri, quest’onda di xenofobia è preoccupante”, dichiarano alcuni. “Ma quale razzismo! Il vero problema è la loro violenza nei nostri confronti, noi italiani dobbiamo difenderci!“, rispondono altri.

Dialogando con i cittadini in strada si misura il livello di insofferenza nei confronti dei migranti. “L’intolleranza, se c’è, nasce dall’esasperazione: molti di questi clandestini, soprattutto africani e romeni, sono lasciati liberi di fare quello che vogliono nel nostro paese”, spiega qualcuno. “Il fenomeno dell’immigrazione è stato gestito male, non c’è dubbio, ma niente può giustificare quest’abitudine che si sta diffondendo di prendere di mira persone innocenti solo perché straniere”, risponde un’altra voce. Si sta dunque ‘fascistizzando il senso comune’, come ha recentemente denunciato la senatrice a vita Liliana Segre? “Il rischio c’è, dobbiamo affrontarlo prima che sia troppo tardi, ognuno come può, valorizzando i tanti esempi positivi di integrazione”. “No, siamo di fronte a episodi isolati, usati per drammatizzare la situazione, gli italiani non sono razzisti ma non ne possono più di subire in silenzio”. E voi che ne dite?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Razzismo, le storie di discriminazione quotidiana di Ester, Sana, Cynthia. “Cos’è cambiato? Ora è praticato da istituzioni”

prev
Articolo Successivo

Atlante dell’infanzia, le disuguaglianze educative delle grandi città: chi vive in periferia è vittima del deficit di istruzione

next