“Non voglio preghiere, non voglio pensieri, basta armi!”. Rabbia e disperazione. Sono questi i sentimenti che emergono dalla breve dichiarazione rilasciata da Susan Orfanos, madre di una delle vittime della sparatoria costata la vita a 13 persone in California. Suo figlio aveva 27 anni ed era scampato all’attentato di Las Vegas, quando dal tetto di un palazzo un uomo sparò sulla folla radunata per un concerto. Il destino ha voluto che morisse in una circostanza simile, due giorni fa, sotto i colpi di un ex marine.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sparatoria Los Angeles, la notizia più bella che una madre può avere: tuo figlio non è tra le vittime

next
Articolo Successivo

“Hanno ucciso mia figlia”, le urla disperate della parlamentare messicana che gelano la Camera dei Deputati

next