Migliaia di persone sono fuggite, dopo lo stato di emergenza proclamato dalle autorità della contea californiana di Butte, a causa di un incendio che ha investito la città di Paradise e Malibù. In poche ore, grazie al vento, le fiamme hanno devastato un’area molto estesa (circa 80 chilometri quadrati di terreno). “Questo è un disastro molto pericoloso, procedete alle evacuazioni se vi viene richiesto”, ha twittato il dipartimento per le Foreste e la protezione contro gli incendi della California. Alcune persone sono rimaste ferite e decine di abitazioni, insieme a un ospedale, sono state distrutte. Nel video, la fuga in auto di una residente, Brynn Parrott Chatfield, che ha postato il video su Facebook.

Almeno cinque persone sono morte in California a causa delle fiamme. I corpi sono stati rinvenuti in alcune auto che sono state inghiottite dall’incendio. Più di 2.200 pompieri sono impegnati a combattere le fiamme in California. Anche la Guardia Nazionale dello stato sta scendendo in campo, con l’invio di 100 truppe. Paradise, cittadina californiana con 27.000 abitanti a nord di Sacramento, è stata quasi interamente distrutta. “L’estensione della distruzione che abbiamo visto è davvero incredibile” ha detto Mark Ghilarducci, dell’ufficio per la gestione delle situazioni di emergenza del governatore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cina, la nuova Via della seta. Opportunità o pericolo?

prev
Articolo Successivo

Libia, alla conferenza di Palermo “attesi i 4 leader del Paese”. Potenze e partner occidentali inviano le seconde linee

next