Ora la chiama “la riformona”. L’iperbole è usata da Matteo Salvini per indicare che il nuovo processo penale, quello che dovrebbe rendere giustizia a chi chiede giustizia, arriverà ma chissà quando. E senza la “riformona” anche l’abolizione richiesta dai grillini della prescrizione (della norma cioè che fa morire, decorso il tempo utile, il processo anche se ancora non concluso), è rinviata nei fatti alle calende greche.

Insieme al governo o al gioco del “chi frega chi”?

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trump, la cacciata del giornalista sgradito e l’abuso di potere in nome del popolo

next
Articolo Successivo

Raggi assolta, il giornalismo e le sue tribù. Quando i social inquinano il dibattito pubblico

next