Ora la chiama “la riformona”. L’iperbole è usata da Matteo Salvini per indicare che il nuovo processo penale, quello che dovrebbe rendere giustizia a chi chiede giustizia, arriverà ma chissà quando. E senza la “riformona” anche l’abolizione richiesta dai grillini della prescrizione (della norma cioè che fa morire, decorso il tempo utile, il processo anche se ancora non concluso), è rinviata nei fatti alle calende greche.

Insieme al governo o al gioco del “chi frega chi”?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trump, la cacciata del giornalista sgradito e l’abuso di potere in nome del popolo

next
Articolo Successivo

Raggi assolta, il giornalismo e le sue tribù. Quando i social inquinano il dibattito pubblico

next