“Sono rimasto aggrappato per più di due ore e mezzo a un albero. Gridavo con tutta la forza in corpo per chiedere aiuto per i miei familiari. Ma ho perso tutto. Mia moglie e due figli. Sono un uomo disperato”. Giuseppe Giordano, non ha più neanche la forza di piangere. Nella tragedia di Casteldaccia (Palermo) ha perso tutto. Nell’alluvione sono rimasti uccisi la moglie e due figli, una di un anno e uno di 15. La terza figlia di è salvata solo perché era andata a comprare dei dolci con uno zio.

“E’ accaduto tutto in pochi istanti – dice – eravamo tranquilli. All’improvviso l’acqua e il fango sono entrati con prepotenza e violenza sfondando tutti gli infissi. In pochi minuti l’acqua è arrivata sui tetti”. Giordano è stato sbalzato vicino all’argine del fiume fino a ad andare a finire su un albero. “Abbiamo atteso l’arrivo dei vigili del fuoco per due ore – dice – non arrivavano mai. Mi ha salvato un carabiniere”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Violenza sulle donne, la testimonianza di Anna Maria Scarfò: “Io vittima del branco dopo 18 anni inizio a riprendermi la vita”

next
Articolo Successivo

Casteldaccia, Federico travolto dal fango mentre cercava di salvare la sorellina: “Papà la tengo io, non ti preoccupare”

next