“Tu e la tua setta di pazzoidi e falliti 5 stelle avete ucciso Torino. Adesso devi morire. Sappiamo dove vivi tu e la tua famiglia. Dormi molto preoccupata“. E’ il testo di una lettera di minacce recapitata alla sindaca di Torino Chiara Appendino. “Magari si tratta di uno scherzo di cattivo gusto, ma una cosa è certa: continuerò a svolgere con serenità il ruolo per il quale sono state eletta”. La lettera è scritta su un foglio bianco in stampatello maiuscolo, la lettera contenente le minacce è indirizzata alla “famiglia Appendino“. Nella lettera ci sono anche insulti per la fede calcistica della prima cittadina, che è tifosa della Juventus. La sindaca Appendino, che ha reso noto le minacce postando una foto della lettera su Facebook, annuncia di avere sporto querela. La Digos di Torino ha acquisito la lettera, le indagini partiranno dalla ricerca di eventuali impronte digitali. Ad un primo esame del timbro postale, la lettera è stata timbrata dalle Poste il 30 ottobre. Scritta col normografo, sotto le minacce è stata disegnata una croce con un pennarello nero.

A lei sono arrivati già diversi messaggi di solidarietà di tutti i partiti. Tra questi quello del vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio e dalla viceministra (torinese) Laura Castelli. “Un conto sono le diverse opinioni – dice Giacomo Portas, deputato del Pd – il confronto politico tra avversari, ma ogni forma di minaccia va condannata. Mi auguro che presto siano trovati i responsabili”. Un “fatto inqualificabile e molto grave – ribadiscono il segretario metropolitano Mimmo Carretta e il capogruppo in consiglio Stefano Lo Russo – che nulla ha e deve avere a che spartire con la dialettica e il confronto politico”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Natalità, il monologo amaro di Crozza: “Un campo per il terzo figlio? Pensa che arretrati quelli che ti danno gli sgravi fiscali…”

prev
Articolo Successivo

Renzi: “Tra qualche mese torneranno i tecnici al governo. Il 5 marzo mi chiamò Franceschini per dirmi di andarmene”

next