Apple ha lanciato il guanto di sfida agli operatori italiani sulla dual-SIM, ovvero la possibilità di far convivere su un terminale due numeri, aggiungere un piano dati per un altro paese oppure avere piano telefonico e dati separati.

Da ieri, grazie all’ultimo aggiornamento software iOS 12.1, su iPhone XS, iPhone XS Max e iPhone XR non c’è più il “lucchetto” alle SIM. Com’era stato anticipato in sede di presentazione stampa, la nuova linea smartphone è dotata sia di uno slot per una SIM fisica che di un chip che ne virtualizza un’altra – detto appunto e-SIM (electronic SIM).

In pratica, d’ora in poi sarebbe possibile far convivere utenze o servizi di fornitori diversi sullo stesso terminale. Il condizionale è d’obbligo poiché solo alcuni operatori di vari paesi hanno siglato un accordo con l’azienda. È il caso di Vodafone España, T-Mobile in Germania, Repubblica Ceca e Austria, EE nel Regno Unito, AT&T negli Stati Uniti, etc. In Italia Vodafone è l’unica a fornire la compatibilità con l’e-SIM, ma solo sugli smartwatch Apple Watch 3 e Watch 4.

La modalità di attivazione è per altro semplice. Chiunque può accedere alla voce “Impostazioni” del terminale, selezionare “Cellulare” e poi “Aggiungi piano cellulare”. Dopodiché sullo schermo compare una classica cornice di scansione per codice QR – quella sorta di codice a barre a forma di quadrato sempre più diffuso su riviste, su alcune confezioni e sotto forma di vetrofonia nei negozi.

Volendo si può scegliere anche di inserire manualmente le informazioni di attivazione, ma in ogni caso si tratta sempre di informazioni che può fornire solo il gestore telefonico.

La sintesi è che è tutto pronto. Mancano all’appello solo gli operatori italiani. E il motivo è risaputo. Questa libertà concessa ai consumatori non piace e non è “compatibile” con le attuali strategie commerciali – al netto di problemi tecnici, comunque già ampiamente superati all’estero.

La selezione à la carte dei servizi più congeniali e concorrenziali sarebbe un dito in un occhio per l’industria delle telecomunicazioni. Gli operatori puntano su pacchetti tutto-incluso e vogliono competere “fuori” dai terminali, sfruttando campagna pubblicitarie, telemarketing e negozi.

L’unica buona notizia per i consumatori è che il salto tecnologico – per altro facilmente replicabile nel tempo da ogni produttore di telefoni – si è già compiuto. Resta da capire solo quando i gestori decideranno di concederci l’uso di questa comodissima innovazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nuovi MacBook Air, Mac Mini e iPad Pro. Più potenti e versatili. Evoluzione più che rivoluzione

prev
Articolo Successivo

Recensione Asus ROG Swift PG27UQ: è il monitor che ogni videogiocatore sogna ma il prezzo è alto

next