Una spiaggia sul Tevere? Meglio la “vegetazione ripariale” che c’era prima. Alla Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma non è piaciuto Tiberis, il tanto discusso lido attrezzato allestito in fretta e in furia questa estate da Virginia Raggi. Stando a una lettera del 13 settembre firmata dal soprintendente Francesco Prosperetti – anticipata ieri dal quotidiano romano Il Messaggero – è stata alterata la “conservazione ed integrazione della vegetazione di golena lungo la riva” e non è stato rispettato il principio della conservazione della “morfologia dei luoghi”. In sostanza, il canneto che prima occupava lo spazio dove oggi sorge Tiberis non andava né tagliato né estirpato, nonostante fosse ricettacolo di rifiuti, insetti e insediamenti abusivi.

“L’intervento effettuato – si legge nella lettera – per la realizzazione del Lido Tiberis, pur rientrando fra gli interventi ammissibili in tale area, non è stato realizzato in maniera conforme agli obiettivi di tutela e di miglioramento della qualità del paesaggio individuati, avendo al contrario realizzato opere annoverate tra i fattori di rischio e di vulnerabilità del paesaggio”. In particolare, appunto, “l’estirpazione della vegetazione è stata indiscriminata e radicale, non distinguendo fra vegetazione infestante (estirpabile) e vegetazione ripariale delle zone umide (tutelata), avendo estirpato tutto il fronte di canneto esistente tra Lungotevere Dante e le vie di accesso al Lido”. E poi: “La recinzione realizzata appare scarna e inadeguata ai valori paesaggistici dell’area”, “la morfologia naturale dei luoghi è stata alterata da movimenti di terra tesi al livellamento dell’area a verde esistente tra le due scarpate golenali”, “le piantumazioni a verde sono del tutto assenti” e, ancora, “l’argine golenale novecentesco, realizzato in materiale lapideo e laterizio, liberato dalla vegetazione infestante, appare in più parti danneggiato: la sua storicità e il suo stato precario avrebbero richiesto una maggiore cautela nelle operazioni di estirpazione”.

Ecco quindi la prescrizione di Prosperetti: “Per quanto sopra esposto – si legge – considerata l’incongruità dell’intervento, si prescrive la presentazione a questa Soprintendenza di un progetto di ripristino dello stato dei luoghi, in vista dello smantellamento delle attrezzature del ‘Lido Tiberis’, volto al ripristino della compagine vegetazionale e degli aspetti morfologici, al ristabilimento dei delicati processi ecologici e ambientali dell’area e, infine, a misure di salvaguardia dell’argine golenale novecentesco”.

Dalla Soprintendenza, spiegano che in realtà la spiaggia si poteva fare (in teoria) ma rispettando quelle prescrizioni obiettate da Prosperetti. Mentre il Campidoglio sta preparando una replica all’organismo del Mibac, il Partito Democratico polemizza: “Già a settembre – dice il presidente della commissione capitolina Trasparenza, Marco Palumbo – erano emersi molti dubbi relativamente al bilancio di questa iniziativa i cui contorni erano apparsi fin da subito poco chiari”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘L’Orizzonte lontano’, su Loft il nuovo reportage di Di Battista: ‘I semi transgenici distruggono la vita dei contadini messicani’

prev
Articolo Successivo

Modena, figlia vegana minaccia la madre che fa il ragù: ‘Ti accoltello’. Condannata

next