“In un solo giorno la basilica è invecchiata di vent’anni, e forse sono ottimista”. È la denuncia di Carlo Tesserin, primo procuratore della basilica di San Marco a Venezia, invasa dall’acqua della laguna in quello che è stato il quarto innalzamento più forte della storia (156 centimetri intorno alle 15 di lunedì 29 ottobre). Sono stati allagati decine di metri del pavimento a mosaico di fronte all’altare della Madonna Nicopeia, e completamente inondati il Battistero e la Cappella Zen. L’acqua ha raggiunto i 90 centimetri sopra il pavimento del nartece, bagnando i monumentali portoni in bronzo bizantini, le colonne e i marmi.

È la seconda volta nel nuovo millennio che San Marco viene allagata dall’acqua alta, e la quinta nella storia: recentemente, la Procuratoria (l’ente che amministra la basilica) aveva realizzato interventi di messa in sicurezza dell’edificio contro le maree, che si sono rivelati non sufficienti. “La chiesa ha una struttura di mattoni che imbevuti di acqua salata si ammalorano anche fino a un’altezza di diversi metri, mettendo a rischio la tenuta dei mosaici che adornano le volte. A noi Procuratori di San Marco, a Venezia e a tutta l’umanità era stato promesso che tali eventi non sarebbero più accaduti“, attacca Tesserin.

“Nulla può la Procuratoria di oggi, che solo nel nome richiama i grandi poteri attribuiti dalla Repubblica Serenissima di Venezia, per difendere San Marco e l’intera città di fronte a questi eventi”, aggiunge. “L’unica difesa possibile, ormai, è interrompere il collegamento tra mare e laguna. Per noi sta diventando sempre più difficile e potrebbe diventare impossibile rimediare ai danni, specie in uno scenario di cambiamenti climatici globali”, conclude.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Maltempo, 10 morti per pioggia e vento: pescatore affoga a Levico, terza vittima in Trentino. “Strage” di yacht a Rapallo

prev
Articolo Successivo

Torino, cartello stradale “lager per negri” con immagine di Auschwitz affisso in centro: caccia all’autore

next