Bagarre alla Camera dopo la bocciatura degli emendamenti presentati dal Partito democratico, a firma Chiara Braga, e da LeU, a prima firma Rossella Muroni, sul condono di Ischia contenuto nel decreto Genova. I deputati dem hanno sollevato cartelli con la scritta “No al condono Di Maio”, al grido di “onestà, onestà“, coro caro al M5s nella scorsa legislatura. Il presidente Roberto Fico ha chiesto l’intervento dei commessi per far rimuovere i cartelli.
Poco prima, tra la raffica di interventi dei deputati del Pd, è intervenuto Camillo D’Alessandro, che dalla giacca ha estratto una forchetta, mostrandola all’Aula: “Col condono si mangia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dl Sicurezza, Nugnes e De Falco (M5s): “Espulsi se non votiamo fiducia? Noi coerenti al Movimento, non stiamo tradendo”

prev
Articolo Successivo

Roma, Politi (Lega): “Raggi? Attendiamo sentenza, ma si dimetta per disastri. Sua giunta più marxista del Pd”

next