A causa dell’ondata di maltempo che da domenica 28 ottobre ha messo in ginocchio l’Italia provocando sei morti, martedì 30 ottobre, molte scuole rimarranno chiuse. Il Viminale, con una circolare inviata dal capo di Gabinetto, ha chiesto di “valutare la chiusura di tutte le scuole e degli uffici”.

Nel Lazio l’unica amministrazione ad aver già emanato l’ordinanza di chiusura degli istituti di ogni ordine e grado è la città di Roma, dove nelle ultime ore si sono registrare raffiche di vento fino a 90 chilometri orari. In Veneto le scuole rimarranno chiuse in tutta la Regione. Lo stop è stato deciso dopo una riunione dell’unità di crisi presso la protezione civile regionale. Anche in Trentino-Alto-Adige gli istituti rimarranno chiusi mentre saranno regolari le lezioni all’università.

Stop alle lezioni anche in Friuli Venezia Giulia in due province: Udine e Pordenone. In particolare per Udine, su disposizione del prefetto, Angelo Ciuni, rimarranno chiuse diverse scuole della provincia che si trovano in località interessate dall’allerta meteo rossa: Amaro, Ampezzo, Arta Terme, Attimis, Bordano, Cavazzo Carnico, Cercivento, Chiusaforte, Comeglians, Dogna, Drenchia, Enemonzo, Faedis, Forgaria nel Friuli, Forni Avoltri, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Gemona del Friuli, Grimacco, Lauco, Ligosullo, Lusevera, Malborghetto Valbruna, Moggio Udinese, Montenars, Nimis, Ovaro, Paluzza, Paularo, Pontebba, Prato Carnico, Preone, Pulfero, Ravascletto, Raveo, Resia, Resiutta, Rigolato, San Leonardo, San Pietro al Natisone, Sauris, Savogna, Socchieve, Stregna, Sutrio, Taipana, Tarcento, Tarvisio, Tolmezzo, Torreano, Trasaghis, Treppo Carnico, Venzone, Verzegnis, Villa Santina, Zuglio. In provincia di Pordenone, invece, rimarranno chiusi tutti gli istituti.

In Liguria saranno due le province interessate dalla chiusura: La Spezia e Genova. Nello spezzino tutte le scuole resteranno chiuse, mentre nel Tigullio saranno interessati solo i comuni toccati dall’allerta rossa: Santa Margherita, Rapallo, Chiavari, Portofino, Sestri Levante.

Studenti a casa anche in Lombardia, in cinque comuni: Brescia, Darfo Boario Terme, Castelmella, Concesio e Sarezzo. In Toscana, per ora, sono cinque le amministrazioni comunali che hanno deciso di tenere chiuse le scuole: Grosseto, Follonica, Castiglione della Pescaia, Capalbio. Anche in Abruzzo due comuni hanno deciso di chiudere gli istituti, quelli di Marsica e di Alto Sangro.

Infine chiusure previste anche al sud Italia, soprattutto in Campania. Edifici scolastici chiusi a Napoli per ordinanza del sindaco Luigi de Magistris che ha però specificato: “La chiusura serve a consentire l’esame dei notevoli danni della non prevista, nella sua eccezionalità, ondata di maltempo, tenuto conto della sola allerta gialla, criticità ordinaria, diramata dalla competente protezione civile”. Chiuse le scuole anche a Capri, Gragnano, Castellammare di Stabia, Pozzuoli e Ischia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maltempo, Italia in ginocchio al Centro e al Nord. Alberi abbattuti dal vento: cinque morti – CRONACA ORA PER ORA

next
Articolo Successivo

Sanità, acquistati dalle Asl ma venduti dalle farmacie: l’affare dei medicinali che gli ospedali non riescono a distribuire

next